domenica 10 ottobre 2004

Afghanistan..prime elezioni

KarzaiMolte volte ad essere realisti ci si prende di più che continuare a proclamare valori universali altissimi.

L'Afghanistan è stato, per anni, il covo dei Talebani (creati, foraggiati e ripudiati dagli USA) con tutte le conseguenze (devastanti) per la popolazione e per le donne afghane.

In questi giorni si sono svolte le prime elezioni democratiche del Paese (ora anche le donne contano qualcosa). Una scheda elettorale che ricorda molto quella italiana (mille partiti e mille coalizioni). Strutture pittoresche, come la cabina elettorale che sembrava un vano doccia. Gli elettori venivano "timbrati" con un pennarello nero sul pollice...doveva essere indelebile, invece in un lampo va via!.

Apriti cielo..elezioni da rifare, brogli, complotti. So benissimo che questa "magagna" getta un ombra sul Presidente Karzai (sicura guida del paese) ma va bene così, non possiamo chiedere di più a questo popolo, bombardato prima ed ora fintamente aiutato a darsi una parvenza di democrazia (per la cronaca si combatte ancora in alcune zone).

Le elezioni sono costate 200 milioni di dollari non si possono rifare anche per questo.

Dopo tutto in America usano ancora le schede preforate (California) e quasi sicuramente Bush ha vinto con meno voti di Gore. Come si vede la nostra democrazia non può dare lezioni a nessuno!