giovedì 31 marzo 2005

Il lavoro, ma quale lavoro?

Periodo di super scazzo a lavoro, dovrei imparare delle cose nuove ma nulla, non ti danno la possibilità di impararle; ok sono dal cliente e quindi i "consulenti" vengono visti come testimoni di geova....ma io faccio di tutto per non vestirmi come loro; niente giacca e cravatta, niente scapra lucida con cigolio dotato di sistema "camminata in chiesa", niente borsa pitonata con anfibiazza super luccicante, niente camicia con le iniziali cucite a mano (mi mette tristezza vederla).

Mi vesto normalissimo, jeans, camicia, maglione e zainetto East Pack (che mi piace tanto).

Vorrei cambiare lavoro, ma ripartire da zero mi viene, al solo pensiero, l'ansia...qualcuno mi assume come sguattero?

Pulire i cessi ha i suoi vantaggi (pochissimi, per la verità) ma qualcuno dovrà fare questo sporco lavoro.