sabato 31 gennaio 2009

Brutta giornata per internet

Google per quindici minuti è impazzito, ad ogni ricerca segnalava potenziali pericoli informatici.

Adesso sembra tutto risolto, ma aspettiamo di sapere le cause. Intanto Ma.gnolia, sito che racchiude migliaia di bookmark ha dei seri problemi sul proprio database. Ad ora il sito è irraggiungibile e su Twitter segnalano che il problema è più grave del previsto.

Visto il blocco di Google possiamo capire quanto avere un "monopolio di fatto" nei motori di ricerca sei deleterio. Se il servizio va giù tutti entrano nel panico, non essendo abituati a bilanciare le proprie ricerche online su tutti gli altri motori di ricerca.

Quindi oltre a Google utilizzate altri motori di ricerca, non si sa mai.

UPDATE: Marissa Mayer spiega che c'è stato un errore umano nel recepire una lista di url proveniente da StopBadware (sito che si prefigge di migliorare la privacy e la sicurezza via web, con cui Google partecipa). In pratica veniva interpretata male il carattere '/' che rendeva malevole tutto l'indirizzo web. ll disservizio è stato di circa 40 minuti.

La moda

A me sta ventata di stupri romeni mi ricorda altre emergenze tipiche italiane, tipiche di una stampa che deve per forza gridare all'allarme rosso per poi dimenticarsene presto e passare al prossimo scandalo.

Abbiamo avuti mesi di pitbull impazziti che attaccavano tutto e tutti, si era proposta l'estinzione della razza, un censimento dei cani pericolosi. Oggi non sono un problema senza fare nulla.

C'erano gli zingari che rapivano i bambini, tutti a chiuderli in casa. Poi le impronte ai bambini rom per censirli. Erano il pericolo pubblico numero uno. Erano. Ora silenzio.

Potrei andare avanti per ore, sugli allarmi, sulle prese di coscienza, sulle cose da fare che a turno tutti scrivono, tutti vogliono imporre.

Fra poco arriverà la primavera, si andrà al mare ed aspetteremo il prossimo inverno per indignarci e, come sempre, non andare alla radice dei problemi.

Si sapeva

Il ministro Maroni ha scoperto che c'è un traffico d'organi anche in Italia.

Ministro! Sono decenni che esportiamo cervelli.

venerdì 30 gennaio 2009

11 business plan per Twitter

Ho parlato spesso di Twitter e del suo non avere un business plan solido e redditizzio. Tanto traffico, tanta popolarità ma quasi sempre grattacapi tecnici (è spesso irraggiungibile) e conti che non quadrano mai.

Alleyinsider ha lanciato un concorso per fornire un nuovo business plan a Twitter.

Le unidic migliori idee si possono racchiudere in quattro macro categorie:

Vendita ricerche di mercato
Twitter Market Research - Twitter Corporate Accounts, More Market Research - Twitter As Craigslist -

Vendita servizi di sms
Twitter coupons - Twitter SMS, Branding, and SEO - Twitter SMS Advertising

Vendita di pubblicità mirata
Twitter split into three - Twitter contextual ads - Twitter Suggested Ads To Re-Tweet - Twitter Premium Accounts, Contextual Ads, Search Ads, Virtual Goods, Affiliate Marketing

Piattaforma tecnologica (API)
Twitter Premium Developers Platform

Dal concorso emerge che Twitter deve vendere servizi per poter avere un modello di business durevole negli anni.

giovedì 29 gennaio 2009

Uno sporco lavoro

Mi sento di dare piena solidarietà al giudice che oggi ha dovuto sentire questi popò di testimoni.

A mio avviso quando è tornato a casa ha chiesto alla moglie una tisana calda e si infilato a letto....giornataccia.

La ritorsione

Italia e Brasile sono ai ferri corti per il caso Battisti. Battisti è uno degli scheletri nell'armadio del terrorismo anni 70 che riesplode dopo oltre vent'anni perchè come sempre non contiamo un cazzo all'estero ed alcuni terroristi rossi hanno sfruttato questa cosa per andare principalmente in Francia.

Ora Battisti è in Brasile e pare ci rimanga a lungo. Vorrei però disquisire sulle azioni politico/diplomatiche del nostro governo per mettere pressione sul Brasile:

Proposta di cancellazione della partita amichevole Italia - Brasile

Probabile cancellazione del reality la Fattoria (ambientato in Brasile)

Ecco cosa siamo diventati solo calcio e reality non abbiamo altro, non abbiamo nessun altro strumento di pressione politica.

Se andiamo avanti così qualcuno imporrà un embargo di tutti i trans brasiliani che battono in Italia.

La Carfagna potrebbe regalarci questa ulteriore "perla".

mercoledì 28 gennaio 2009

Qualcosa mi sfugge

Il ministro Scajola ha detto "i provvedimenti non saranno pro o contro la Fiat, ma dovranno interessare tutto il settore dell'auto".

A parte Fiat ed il suo indotto in cosa consiste il settore dell'auto in Italia?

E' chiaro che se si aiuta Fiat si aiuta tutta il settore dell'auto. Ci prendessero meno per il culo sarebbe cosa gradita.

Pazienza infinita

Leggendo le notizie sul Grande Fratello 2009 c'è solo un denominatore comune: le tette.

Abbiamo topless, seste rifatte, quelle a coppa di champagne, quelle lesbiche.

Ma sta roba è 20 anni che c'è in tv....non dovrebbe stufare?

Gli strilloni

Scendere in piazza per molti è sinonimo di democrazia, di partecipazione, un modo per far sentire la propria voce. A me tutto questo non mi è mai piaciuto, visto che la piazza a volte distorce il pensiero originale, fa dire cose forti ma che troppo spesso rimangono nell'aria senza ottenere nulla di quello che ci sia era prefisso.

Non sto contestando l'utilizzo della piazza (sempre legittimo e vitale per una democrazia) ma i suoi effetti positivi, che a mio avviso sono di modesta portata.

La piazza inveisce, usa parole forti contro il nemico di turno, scalda gli animi ma poi produce solo confusione e porge il fianco alle critiche all'utilizzare strumentalizzate per delegittimare chi l'ha utilizzata.

Di Pietro, Grillo & Co. si sono sfogati, le hanno cantate a tutti ma questo non sposterà di una virgola l'andamento politico italiano.

Ho sempre pensato che ci voglia una politica pragmatica con gente che guardi all'Italia nel futuro, che voglia abitare fra 5 anni in un paese migliore per se e per i suoi concittadini. Tale politica non esiste e quindi la piazza forcaiola ne prende il posto, producendo strepiti e vaffanculo.

domenica 25 gennaio 2009

Erezioni politiche

La sua soluzione agli stupri è questa.

In realtà non si accorge che è lui il portatore sano della soluzione definitiva.

Se tutti avessimo la sua capacità di erezione, le donne italiane dormirebbero sonni tranquilli.

Gli illusi

Quando vado al cesso, mi capita spesso di sfogliare giornali di gossip tv senza dare troppo peso a quello che ci è scritto sopra. Si sa che in queste riviste contano le foto ed i titoli ad effetto, il resto lo legge il 5% dei lettori.

Per una volta mi ha incuriosito la storia di Dennis Fantina, primo vincitore di "Saranno Famosi", ora chiamato "Amici".

Dennis dopo aver trionfato, inciso un paio di dischi, fatto qualche musical è scivolato nel dimenticatoio tanto da prendere la decisione di ritornare a fare l'operaio.

Per Dennis ci sono due sentimenti: la gratitudine alla De Filippi di averlo lanciato e l'illusione che tutto sia svanito.

Ecco, l'illusione che tutti i vincitori di "Amici" a poco a poco incontreranno nella loro carriera dopo che il tempo spegnerà le luci.

Nessuno dei vincitori ha realmente sfondato (sempre musical, apparizioni tv e nulla più).

L'unico che sta avendo un opportunità è Marco Carta a Sanremo 2009. Ricordo che già Alessandro Errico delle prime edizioni di Amici ha partecipato a due Sanremo per poi far perdere le sue tracce.

Tutti i vincitori di amici
- Dennis Fantina (cantante) (2001/2002)
- Giulia Ottonello (cantante) (2002/2003)
- Leon Cino (ballerino) (2003/2004)
- Antonino Spadaccino (cantante) (2004/2005)
- Ivan D'andrea (ballerino) (2005/2006)
- Federico Angelucci (cantante) (2006/2007)
- Marco Carta (cantante) (2007/2008)

sabato 24 gennaio 2009

Caos Rosso

dal 1921 al 1991
Partito Comunica Italiano (PCI)
dal 1991 al 1998
Partito Democratico della Sinistra (PDS)
dal 1991 ad oggi
Partito Della Rifondazione Comunista (PRC)
dal 1998 al 2007
Democratici di Sinistra (DS)
dal 1998 ad oggi
Partito dei Comunisti Italiani (PDCI)
dal 2006 ad oggi
Partito Comunista dei Lavorarori (PCL)

dal 2007 ad oggi
Sinistra Democratica
(SD)
dal 2007 ad oggi
Partito Democratico (PD)
dal 2007 ad oggi
Sinistra Critica (SC)
dal 2009 ad oggi
Rifondazione per la Sinistra (RPS)

Dal 1991 ad oggi la sinistra ha cercato di trovare un suo assetto ma ha viaggiato su due binari: chi voleva diventare forma di governo, chi voleva ancora essere comunista.

Il binario riformista non è mai diventato vera forma di governo ed adesso langue in un Partito Democratico nè carne nè pesce.

Il binario duro e puro si è a poco a poco inaridito e la mancanza di voti ha portato alla sua polverizzazione che ne acuisce i problemi e lo rende poco credibile verso gli lettori.

Con queste premesse chi è dall'altra parte governa senza troppi problemi.

giovedì 22 gennaio 2009

Repubblica e le immagini

Repubblica.it non sa cosa siano i credits sulle immagini sparse nella rete. Chi gestisce la sezione delle immagini, naviga in internet, copia sui server di Repubblica le foto e non fa quasi mai citazioni della fonte, o quando la fa dice mezze verità.

Caso di citazione parziale
della fonte
Repubblica.it mostra le foto delle risse in parlamento citando il sito "Damn cool pictures" dicendo che è un sito che raccoglie le immagini delle risse parlamentari mondiali.

Come prima cosa Repubblica.it non mette il link diretto, quindi la sua citazione è parziale. Caricando le foto sui propri server viola il copyright di DamnCoolPicture (attenzione contiene alcune immagini forti), oltre che tale sito è in realtà un blog che raccoglie molte immagini strampalate non sono le risse parlamentari.

Caso di mancata citazione della fonte

Sempre Repubblica.it pubblica le foto dei lego costruiti per festeggiare Obama Presidente.

Anche in questo caso le foto risiedono sui loro server e stavolta la fonte non è stata citata. Dalla mia piccola ricerca alcune foto sono state prese da The Big Picture, ma molto probabilmente è stato fatto un collage da vari siti.

Complimenti a Repubblica.it!

Stupro io che stupri tu

A me fa ridere che il PD inveisca contro il sindaco Alemanno per il nuovo caso di sturpo in un quartiere di periferia di Roma.

Ricordo che neanche due anni fa (ottobre 2007) con sindaco Walter Veltroni morì dopo essere stata stuprata Giovanna Reggiani.

In tutti i casi di stupro la responsabilità del comune di turno è sempre lampante: illuminazione inesistente, mancanza di agenti di polizia a presidiare il territorio in orario serale.

C'è sempre la solita e futile polemica politica che mette tanta tristezza.

Twitter sorpassa Digg

Nel giorno dell'insediamento di Obama alla casa bianca è avvenuto un evento storico per i siti di informazione: Twitter ha sorpassato Digg.

Per sorpasso si intende il traffico che ha generato in quella giornata. Twitter è stato preso d'assalto da milioni di utenti tanto da farlo andare giù in breve tempo.

Le ragioni di questo sorpasso si possono riassumere nei seguenti punti:

- facilità d'uso (Twitter è più immediato di Digg)
- specificità (Twitter è più adatto a Digg per gli eventi Live)
- brevità (Twitter ti consente di essere subito un inviato sul posto, Digg no)

Ovviamente Digg rimane una fonte preziosissima per l'informazione sul web, ma per gli eventi live (come la crisi di Gaza) Twitter è diventato lo standard dell'informazione.

lunedì 19 gennaio 2009

Facebook è tutto e niente

Ormai con la tecnologia si riempie la bocca e Facebook ha sempre la colpa su tutto.

Eccovi una rapida carrellata di tutti i pericoli di cui FB è portatore sano:

Atti di bullismo

Affiliazione alla mafia

Affiliazione alle sette religiose

Appropriazione indebita di nomi di VIP

Cancellazione senza giusta causa di account

Produzione di una visione del mondo "socialmente pericolosa"

Insomma per ogni problema della società, la grande colpa è del social network, nessun dubbio.

FB ha sicuramente dei pericoli, ma è pur sempre una strumento che va usato per quello che è ma purtroppo viviamo in un mondo senza le mezze misure, o tutto o niente.

domenica 18 gennaio 2009

Meglio di Marylin

Tale Milena Cavalli, escort di professione, ha un curriculum invidiabile.

Leggendolo tutto scopro che esiste un concorso di bellezza mondiale per escort. Se va avanti così, presto presenta San Remo.

PS Dato l'argomento potreste imbattervi in siti v.m. 18

PS2 Escort = accompagnatrice, prostituta, puttana

PS3 La Cavalli è legge Carfagna compliant

Prostituzione Televisiva

Hanno sempre dato cattivo esempio le prostitute sulla strada. Ogni governo di turno ha sempre voluto cacciarle in qualche tana, lontana dagli occhi e dal cuore, per proteggere i propri figli perchè non si riusciva a spiegare loro questo antichissimo fenomeno.

Dalla prostituzione alla pornografia il passo è breve. Altre ingiurie moraliste che imputavano ad essa moltissimi mali della società moderna: pedofilia, violenza sessuale, disturbi psichici, separazioni di famiglie, pubertà precoce.

Di legge vergognose (la porno tax) o impraticabili (legge Carfagna) ne abbiamo viste tante ma c'è un'altra forma di prostituzione di cui nessuno parla: quella televisiva.

Ormai in tv la maggior parte degli ospiti va per guadagnare soldi facili, per ripianare vite dissolute, per diventare "famoso" e quindi prendersi qualche personaggio facoltoso e fare la bella vita.

Come ogni forma di prostituzione c'è quella maschile e quella femminile con i suoi riti e le sue regole, diverse fra loro ma parte integrante del panorama televisivo.

Quella maschile si basa essenzialmente su due cose: machismo sportivo e gossip. Se ci fate caso tutti i prezzemolini televisivi incarnano il latin lover o spuntano in tutti gli apparati gossipari nazionali. Questa forma di prostituzione ha contagiato in modo massiccio tutti gli sport. Se per il calcio è una routine i campioni degli sport da olimpiade hanno avuto un'impennata pazzasca. Non c'è reality in cui non ci sia un medagliato di pechino '08. Le motivazione sono sempre le stesse: uscire dal limbo olimpico, guadagnare in pochi mesi quello che il tuo sport non riuscirebbe in dieci anni. Il mondo del gossip invece pullula di nuovi cucadores e di vecchi volti tv sempre pronti a fare la prima cazzata che gli viene proposta se la cifra è quella desiderata.

Le donne invece hanno una sola strada per diventare qualcuna: fare mille provini, partecipare a casting ed investire solo ed esclusivamente sulla propria bellezza e non essere schizzinose sulle proposte indecenti che gli vengono recapitate. Così a 18 anni si va dal chirurgo per avere una sesta, si mette all'asta la propria verginità o ci si inventa qualcosa per apparire, per essere notate. La donna vive di ricchezza altrui, si sa, ma per averla bisogna sgomitare a colpi di tette e imputtanamento.

Detto ciò mi pare naturale che Vittorio Sgarbi chieda due milioni di euro per le sue prestazioni.

Prova sul campo BiowashBall

La BiowashBall aveva occupato il fine novembre 2008 della blogsfera, dopo che si erano levati dubbi sulla sua efficacia, contenstando quindi anche Beppe Grillo che ne tesseva le lodi nel suo ultimo tour.

La trasmissione svizzere PattiChiari ha eseguito una prova sul campo, confrontando le doti presunte della pallina con un lavaggio con acqua e con uno con detersivo.

Paolo Attivissimo fa un ricco reportage, che sintetizzo per punti:

- i rappresentanti svizzeri della BiowashBall in televisione sono sempre venditori, mai tecnici

- il venditore elude le domande mischiando le carte in tavola (micro organismi, pre caricamento al sole della pallina, non credibilità dei test eseguiti, tecnologia superiore sudcoreana etc etc)

- la pallina contiene ossido di titanio che effettivamente potrebbe assorbire determinati tipi di sporco ed odori ma dovrebbe contenerne in quantià ben maggiore (questa caratteristica tecnica non viene menzionata dai venditori)


- dai test di PattiChiari si deduce che la pallina lava un pò meglio della sola acqua ma perde su tutta la linea contro il detersivo

- secondo Attivissimo la BiowashBall ha successo perchè sfrutta il meccanismo psicologico dello "sciamanesimo" come avvenuto con il tubo Tucker o con i mille talismani magici. Cadendo in questa trappola psicologica chi compra la pallina lavatrice non ne dubita sulla sua efficacia, perchè crede al suo potere senza vedere i fatti reali. Proprio per questo nella trasmissione svizzera ci doveva essere un esperto di questo tipo di meccanismi della mente umana per spiegare i trucchi e come difendersi

Insomma un'ulteriore prova di come la BiowashBall non abbia nessun potere miracoloso e se si usasse un pò più la testa si potrebbe ridurre sia la quantità di detersivo per i nostri capi sia ridurre la produzione di plastica.

sabato 17 gennaio 2009

Ma ci stanno pensando?

In Italia si discute di Grande Fratello, Vigilanza Rai, bus pro Ateismo, la Rai indecente, il caso Battisti e chi più ne ha ne metta.

Non vedo molta apprensione per l'economia, va bene che siamo già con le pezze al culo ma preoccuparsene un pochino di più sarebbe doveroso.

Ogni giorno escono notizie di questo genere:

Ue: "La crisi va peggiorando, la recessione sarà grave e lunga"

Forse sono finite le idee, forse i ladri sono troppi in questo paese, forse non c'è più nulla da fare.

Lui mantiene sempre le promesse

Come è bello vedere i tifosi del Milan fare le battaglie per impedire il trasferimento di Kakà al Manchester City (cifra 120 milioni di euro).

Tutti a invocare le bandiere, i sentimenti sportivi autentici come se si dimenticassero che guardano partite di milionari, per lo più dediti solo al denaro ed al proprio tornaconto. Tale livore ed energia non la mettono se un politico gli ruba i soldi, se passano leggi che riducono la propria scelta, chissà perchè.

Da cornice a tutto ciò fanno una certa ilarità le dichiarazioni del presidente del Milan che fa discorsi da contabile, dice che non può aumentare l'ingaggio di Kakà e che per quella cifra non si può dire di no.

Ricordo solo che un anno fa recitava la parte dell'uomo più ricco del mondo.

venerdì 16 gennaio 2009

Un vero modello di business per Twitter

Secondo ReadWriteWeb il modello di business di Twitter sarebbe quello di ricevere soldi dalle 100 maggiori aziende usa, in quanto il 93% di essi non è rappresentata in Twitter e non ha il controllo del suo brand.

Diritti e Doveri

I giornali si scagliano sempre contro la pirateria ma poi cadono in palesi violazioni di copyright sia per i video che per le immagini, ma sembra che tutto ciò non li riguardi.

Esempio lampante è quello della Nuova Ferrara che sta utilizzando foto di Gaspar Torriero come se fossero loro.

Questo argomento sarà sempre più di attualità. Controllare i contenuti delle principali testate può far capire quanto sia stupido l'attuale concezione del copyright ai tempi di internet.

giovedì 15 gennaio 2009

Scandaloso cosa?

Un piccolo appunto a Michel Proietti (corriere.it). Definire Tinto Brass il regista più scandaloso d'italia è un'offesa a Rocco Siffredi.

Il mostro

Una cosa è chiara, la politica senza identità e senso della stato ha partorito un mostro che non se ne vuole andare via.

Rassegnatevi ed è la giusta punizione per aver eliminato le preferenze alle politiche. Tiè

Vivere senza bottiglie d'acqua

Quest'anno ho deciso di ridurre al minimo l'utilizzo della plastica e mi sono concentrato subito sulle bottiglie d'acqua.

L'acqua è un bene primario che non dovremmo pagare, ma ormai comprare bottiglie d'acqua è normale ma tutto questo hai dei costi.

Costo economico: acquistando sempre bottiglie d'acqua nei supermercati vanno via oltre 100 euro mensili

Costo fisico: trasportare intere casse d'acqua non è certo piacevole

Costo ambientale: produrre plastica è estremamente inquinante oltre che non essere biodegradabile

Detto ciò ho deciso di bere l'acqua dell'acquedotto cittadino ma con un accorgimento: utilizzare una caraffa con filtro.

I vantaggi nell'utilizzarla sono molteplici:

- non si paga più per bere acqua
- il filtro dura un mese
- s'inquina meno
- si sfata il mito che l'acqua pubblica non è buona da bere

Insomma, fate anche voi il grande salto, abbandonate le lobby dell'acqua.

Non la prenderà bene

Mourinho è solo il quindicesimo allenatore al mondo (secondo IFFHS).

Sogno americano

L'America che ha eletto Obama sembrava essere diventata il paese dove tutto è possibile dove i buoni sentimenti avevano trionfato.

Dietro al paravento del sogno americano si nasconde un mondo cinico, in perenne competizione con se stesso e con il mondo sempre nevrotico e quindi proiettato solo al futuro.

Quando Steve Jobs ha annunciato il suo ritiro per 6 mesi per motivi di salute tutti l'hanno buttata sul dollaro, sull'azione Apple che andava giù, sul fatto che le presentazioni senza di lui era poca cosa. La malattia è vista come un ostacolo alla produttività di un'azienda.

Quasi sicuramente Jobs ha ritardato le sue dimissioni perchè pensava prima all'azienda e poi al suo stato di salute. Lì le cose vanno così.

Non c'è da stupirsi per questo comportamento da uno stato che ti cura solo se hai un reddito in banca.

martedì 13 gennaio 2009

Un paese moltro strano

Facendo mente locale su tutti gli avvenimenti delle ultime settimane non ci si capisce più nulla.

In ordine sparso

Alitalia è italiana ma il maggior azionista è francese (Air France).
C'è la tassa sul permesso si soggiorno per gli immigrati, poi non c'è ed infine divento contributo.

Moggi e soci erano dei ladri per 2 anni, adesso vengo condannati ma assolti (indulto) e tutti dicono che sono onesti

Da Rifondazione Comunista escono i Vendoliani per fare il 25 partito della vera sinistra.

Inizia il Grande Fratello ma tutti parlano solo delle tette (una sesta) di una concorrente

Il ministro della pubblica amministrazione ed innovazione parla solo di pubblicazione amministrazione, si vede che l'innovazione non gli compete proprio

In Italia non c'è rischio di restare senza gas ma intanto Scajola vara un decreto per bucare qualsiasi terreno e dice che se le cose dovessero andare male abbiamo 2 settimane di scorte

E' bello sapere da Diva e Donna delle evasioni fiscali dei miei concittadini vip

lunedì 12 gennaio 2009

Muoia Sansonetti e tutti i Filistei

A me sto Sansonetti, ormai ex direttore di Liberazione, mette profonda tristezza.

Sansonetti ha preso la poltrona televisiva di Fausto Bertinotti. La tv si sa propone sempre modelli un pò strampalati e quello del comunista buono ha sempre avuto successo.

Prima è toccato al Fausto in cashmere che veniva stimato dal cavaliere, i comunisti mangia bambini erano altri, quelli che prendevano oltre il 30%.

Negli ultimi anni Sansonetti si è visto in tutti i canali televisivi, in contenitori politici, di cronaca e di gossip a discutere di tutto e di più. Intanto il giornale andava male, ed Rifondazione Comunista a poco a poco finiva i suoi rappresentanti in parlamento.

Ora nel completo sbando viene rimosso dalla direzione ma i vendoliani (mi sembrano una setta religiosa) lo sostengono. Il risultato sarà l'ennesima scissione che in pratica decreta la fine della sinistra radicale.

Rai senza pubblicità? Impossibile

Prendendo spunto dagli spunti di Aldo Grasso credo che la Rai senza pubblicità affonderebbe come Alitalia e quindi il governo di turno ce la farebbe pagare a noi contribuenti.

Grasso affronta il problema dal lato televisivo, ovvero che perdendo la pubblicità il ruolo del servizio pubblico verrebbe ridimensionato a scapito della ulteriore frammentazione del pubblico. Più pubblico frammentato porta a diverse forme di linguaggio scatenando ulteriori divisioni nel paese (la Rai ha avuto il grosso merito di farci parlare una sola lingua).

Il problema della Rai senza pubblicità è più drammatico sotto il profilo economico. Con l'attuale sistema del canone + pubblicità i conti non sono positivi, anzi e quindi togliendo la pubblicità si dovrebbero ridurre il numero di canali.

Ridurre i canali è sempre una soluzione molto affascinante ma in Italia dove tutto è triplicato perchè tutti possano mangiare questo processo richiederebbe un periodo molto lungo.

Senza pubblicità ci dovrebbe essere un solo canale, generalista che basi tutte le sue risorse solo con il canone, quindi fuori dai partiti e dall'inseguimento alla tv commerciale.

Insomma troppo bello per essere vero.

E se Soru fosse il nostro Obama?

Piccola premessa: Obama è un fenomeno americano e non riproducibile nel resto del mondo perchè il sistema elettorale americano è unico.

Detto ciò tutti sappiamo come è agonizzante l'opposizione che si può ridurre a due entità ben distinte: Partito Democratico e Italia dei Valori.

L'IDV pur essendo in forte ascesa, sia per la sua opposizione dura sia per demeriti del PD, è cristallizzata su Antonio Di Pietro un pò come la Lega Nord su Umberto Bossi. Insomma senza il suo leader è poca cosa.

Il Partito Democratico pur avendo un caos mentale degno di "Beautiful Mind" può sempre trovare un nuovo leader o comunque dipendere meno dal segretario di turno. Walter Veltroni non ha più lo slancio di un anno fa, la sua campagna elettorale è stata all'insegna del "primo non nominare ed insultare l'avversario politico" che ha portato ad una sconfitta cocente. In altre parole Veltroni stesso non sa quanto durerà ancora.

Si dice sempre di ringiovanire la classe politica, di vedere facce nuove ma molto spesso non si è capaci di vedere i potenziali nuovi leader, vuoi per una segreteria gattopardesca vuoi perchè alla fine votiamo sempre quello che ci viene proposto.

Credo che Renato Soru possa diventare il nuovo punto di riferimento dei democratici per le seguenti ragioni:

- E' un cinquantenne con esperienza lavorativa (fondatore Tiscali) e politica (governatore della Sardegna)
- Ha avuto il coraggio di dimettersi quando il suo partito gli remava contro
- Ha già vinto una campagna elettorale contro il candidato di Berlusconi
- Si rifà all'Ulivo di Prodi che ha sempre vinto contro Berlusconi anche se si spera non voglia riproporre la cozzaglia di partiti dei due governi Prodi

Sono curioso di vedere cosa farà alle prossime elezioni regionali sarde, se riuscirà ad essere rieletto da dimissionario. Se ciò dovesse accadere, la sua posizione di uomo politico vincente ne verrebbe rafforzata e magari qualcuno nel PD potrebbe anche levarsi dalle balle.

venerdì 9 gennaio 2009

Casting GF

Il Grande Fratello è stato il capostipite dei reality e la sua prima regola era che i concorrenti erano emeriti sconosciuti.

Il GF 2009 sembra invece proporre personaggi che si sono "distinti" nella cronaca gossippara. Così abbiamo il vigile gay vanitoso e la hostess modella forcaiola tanto per citare i più gettonati.

Vero o non vero anche il GF sembra proprio sul viale del tramonto...sfido chiunque a dirmi gli ultimi tre vincitori senza usare Google.

Vecchio trucco

A me sembra che quelli di Sanremo 2009 stiano attuando il vecchio trucco di scatenare polemiche a vanvera per alimentare aspettativa e quindi durare le, credo, cinque serata sanremesi.

Vi ricordate la polemica Arcigay - Povia per il titolo della canzone Luca era Gay?

Vi propongo il testo della canzone [via Tv Blog by GirlPower]

Luca era gay - Povia
È l’una fuori piove E non hai voglia di dormire
Solo un film in bianco e nero e nessun amico in giro E il sangue ti ribolle e non te lo sai spiegare
O forse non lo vuoi capire… E cerchi di scappare senza sapere dove
E a Spingere il pedale È il fuoco nelle vene
Ma la strada ti conosce e non ti fa sbandare Anche se a sedurti spesso è un cuore ad ore..
Dalle casse arriva lenta una canzone E un dj bastardo no non smette di parlare
E quasi ti sorprendi ad alzare il volume Cosi che il mondo fuori scompare….
E aspetti il ritornello per cantare a squarciagola
Aspetti un giorno nuovo per dire oggi gira..
Ma cosa ti rimane di una stella che non cade..
In fondo..tutto resta uguale…
È l’una fuori piove e questa voglia di volare è solo fame chimica di un salto senza fine
È solo quel bisogno che hai di essere te stesso, ora un po’ più vivo..domani un po’ più perso
Ti fermi ad guarda ancora un treno che non passa in un binario vuoto bestemmi e chiedi cosa ci resta?
E pensi per un attimo di aver la risposta Ma in tasca hai un biglietto aperto per un’altra corsa
Ma forse quel che dico, o forse quel che penso è come un fiammifero che scalda il cielo d’agosto
e bruci un po’ di vita davanti a un albero di mele
Mentre l’alba distratta compare
gridando fa lo stesso, tu lo sai quello che hai perso
E quasi ti convinci che ogni sogno ha il suo prezzo
E scrivi un bel finale da poter poi raccontare
E inventi un lieto fine così almeno puoi sognare
Certo non hai vinto ma di sicuro neanche hai perso
Sei nell’intervallo pronto a fare un altro scatto
Sempre lì ad amare ciò che vuoi dimenticare…
In fondo tutto resta uguale…

A leggerlo mi sembra una normalissima canzone che, come molte altre, dal titolo sembra chissa che cosa ma alla fine rientra nei canoni del festival della canzone popolare.

Certo che basta mettere un'esca e tutti ci si buttano a pesce pur di fare un pò di caciara.

giovedì 8 gennaio 2009

Mai in crisi

L'industria del porno ha sempre avuto una serie di leggende che per decenni hanno alimentato miti di ogni sorta. Uno dei più gettonati era quello di non aver mai conosciuto crisi economiche.

Una grossa fetta di responsabilità di questra disinformazione va ai giornalisti della carta stampata che hanno sempre sbrigato l'argomento nel modo più spiccio e superficiale possibile. Discuterne sì ma senza sporcarsi troppo le mani.

Per smentire questa farloccata, oggi Larry Flint ha chiesto al congresso 5 miliardi di dollari per poter fronteggiare la crisi economica. Anche il porno soffre del calo delle vendite dei dvd, mentre continua a salire il traffico web ma evidentemente la pubblicità non è sufficiente.

Certo in Italia siamo alle solite polemiche per una rassegna per adulti, lontani anni luce nel pensarlo solo ad un settore economico.

mercoledì 7 gennaio 2009

L'alternativa

Oggi stavo pensando se tra due settimane si andasse a votare per le politiche (grazie alla rottura della Lega Nord) quale alternativa ha l'elettore italiano all'attuale governo.

Dopo 5 minuti ho avuto uno sconforto totale.

Il Partito Democratico è in uno sbando totale tra lotte intestine, suoi governi locali in pieno subbuglio e con zero idee da proporre se non il vecchio anti-belusconismo datato ormai '94.

L'Italia dei Valori combatte a destra ed a manca in modo scomposto, virulento ma poco credibile per assumere un'importante ruolo di governo. Delegare ai referendum parte della lotta di opposizione è lodevole ma non porterà a nulla (i radicali hanno anni di insuccessi in questo campo).

I reduci del comunismo (Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Comunisti Lavoratori, Sinistra Critica) lottano tra di loro per un'importantissimo 0,1% buono solo per gonfiare il petto tra gli adoratori della falce e martello e nulla più.

Sinistra Democratica pensavo fosse ormai morta, invece ha partecipato alla raccolta delle firme per i referendum dipietristi, questo per far capire quanto conti sulla scena politica italiana.

I verdi come i radicali sono macchiette di se stessi, pongono argomenti interessanti e di attualità come riforme sociali ed ecologia ma con persone che non hanno stima nemmeno di se stesse.

Quel che resta dei Socialisti (anche loro esplosi in mille micro partiti) non frega a nessuno avendo marchiato a fuoco il simbolo dei ladri politici.

L'UDC oltre ad avere la palma del partito con più condannati non sai mai dove sta, prerogativa principe dei democristiani.

La Destra e Forza Nuova pur diverse fra loro hanno la stessa sindrome dei comunisti, ovvero in lotta per poche migliaia di voti di protesta.

Dopo questa rapida carrellata capisci benissimo perchè questo governo ha oltre il 60% di consensi.

Saper leggere e scrivere in un mondo di analfabeti conta ancora qualcosa.

Bolle di sapone

Ma io dico, con tutti i problemi di lentezza della giustizia si devono aprire indagini per tutto quello che succede in Italia?

Ultimi esempi

Inchiesta contro ignoti per la preghiera islamica davanti al Duomo
L'unico risultato sarà l'archiviazione delle inchieste senza nessun rinvio a giudizio.

martedì 6 gennaio 2009

Ass Factor

Non vedere i provini di X Factor è impresa impossibile, così ieri sera ho visto le selezioni degli under 25 che hanno prodotto 20 finalisti (alla fine diventeranno 8).

Piccole considerazioni:
- la Ventura non ne capisce nulla di musica ed inoltre si è presentata con una tutina in velluto degna della migliore massaia post pranzo di Natale
- le selezioni avvengono alla cazzo un pò per bravura oggettiva un pò per figaggine dell'interprete
- scandalosa l'eliminazione di una ragazza straniera solo perchè il suo nome (credo Zelika) non si addice ad una pop star
- alcune concorrenti hanno preso X Factor come la loro unica occasione della loro vita e quindi una volta eliminate il mondo gli è crollato addosso. Ehi ma essere eliminate dalla Ventura è un onore!

In poche parole su migliaia di cantanti sicuramente gli otto under 25 che andranno in trasmissione avranno delle doti ma credo che il percorso di selezione sia poco meritocratico e molto legato all'umore dei tutor.

San Spinetta

Provate a pensare di essere uno straniero in trattativa per comprare un auto italiana, un pò sgangherata ma che ha ancora un pò di fascino e pensate che da un buon meccanico potrebbe tornare una buona utilitaria.

Bene, partecipate di buona lena all'asta presentando la vostra offerta che in breve tempo è l'unica credibile. Con zero concorrenti tutto si dovrebbe chiudere in un batter d'occhio, dovrebbe.

Il problema che il concessionario che ve la propone sgangerata è ricco di vice direttori che urlano e sbraitano per bloccare tutto (e ci riescono alla grande).

La crisi dell'auto è impietosa e così il concessionario cambia gestione e viene preso da un ometto sorridente e molto ottimista che prima da l'auto scalcinata ed ormai morente ai suoi amici e gli delega di trovare un buon partner straniero.

Altra gara, altro giro altro regalo. Le trattative riprendono ed anche questa volta sembra che siete i migliori offerenti. Sembra.

Questa volta un gruppo di sfasciacarrozze lumbard iniziano ad ineggiare ai tedeschi, preparano discese a Roma per difendere un aeroporto nato male e gestito peggio.

Forse Spinetta ha conservato il dono dell'arrangiarsi all'italiana, ma se ero al suo posto avrei mandato tutti affanculo da molti mesi.

lunedì 5 gennaio 2009

La mafia siamo noi

Internet è libertà e quando c'è libertà puoi trovare cose sublimi o i peggiori istinti umani rappresentati sotto forma di forum/sito/blog.

Qui in Italia ci si scandalizza per un nonulla, si grida allo scandalo sempre per poi girare la testa dall'altra parte e continuare a vivere una vita all'insegna dell'ipocrisia.

Siamo i creatori/produttori/esportatori della fenomeno mafioso che è diventato un filone cinematografico oltreoceano e che continua a rappresentarci che ci piaccia o no.

Purtroppo non siamo riusciti ad arginare le mafie che sono diventate sempre più forti ed hanno assunto mutevoli forme: sportiva, economica, ambientale, politica.

Ora ci si scandalizza per i fans club pro mafia su Facebook invocando la censura riparatrice, ma sappiamo che censura chiama altra censura per poi sfociare in totalitarismo. Il vero problema è perchè molti utenti italiani creao o si iscrivano a questi gruppi.

A mio avviso c'è troppa superficialità nell'accettare nuovi amici virtuali e nell'iscriversi ad ogni tipo di gruppo che viene proposto
, ma tutto questo rispecchia la vitalità culturale di questo paese che è quasi pari a zero dove lo scontro verbale è sempre presente quello sociale è menefreghista per natura.

Vorrei meno finte campagne chiacchierone e più coscienza politica.

Pensieri da internare

Ad inizio anno non si sa bene cosa scrivere per il proprio quotidiano e quindi si diventa dei fieri accusatori della blogsfera ricca solo di insulti e banalità.

Geminello per passare il tempo in montagna non era meglio una bella tombolata con ciccolata calda?

domenica 4 gennaio 2009

Povca Tvoia

Lo confesso, sono a 200 metri dalla residenza invernale del ministro Giulio Tremonti.

Una casa con le finestre verdi padania, la porticina in legno montano e la immancabile security molto annoiata ed infreddolita che controlla che nessun comunista rompa le balle.

In paese tutti lo conoscono e pare che sia un bel braccino corto per la serie "scroccare sempre offrire mai" .

Ora la tentazione è molto forte, vorrei lasciargli una bella lista della spesa sulle misure economiche da prendere in questo 2009 di merda (economicamente parlando, s'intende).

La mia lista della spesa è quella del buon padre di famiglia dove:

- la Chiesa paga le tasse immobiliari
- le provincie vengono abolite
- le città che dichiarano bancarotta non vengono aiutate dal governo
- la scuola privata non riceve aiuti di stato ad ogni angelus del Papa
- la scuola è vitale per il paese e non terreno per tagli indiscriminati

Ci sarebbe da eludere un pò di gente, ma forse la lettera arriverebbe ma ho paura che sia tempo sprecato, per cui se lo incontro ve lo saluto cordialmente.

Ci sono in vacanza

Brutta storia di uno scout nel bellunese.

Negare è meglio che capire

La religione vive di dogmi, di verità assolute che cercano di spiegare la vita con concetti piovuti dal cielo.

Ogni uomo deve quindi accettare tutti gli aspetti della vita senza cercare rimedi scientifici che possano alleviare o risolvere i problemi.

Non mi stupisce che da un lato la chiesa cattolica protesti contro l'uso dei preservativi in Brasile per porre rimedio ad aids ed a migliaia di bambini orfani delle favelas, mentre Scientology abbiamo fatto il lavaggio del cervello a John Travolta per non far curare il figlio Jett.

In questo periodo storico, invece, bisogna essere dei moderni Ulisse per trovare nuove cure e far vivere una vita migliore al numero maggiore di persone.