lunedì 30 marzo 2009

Caccia allo sbirro, una bufala?

C'è stato molto clamore nel dare la notizia del blog Caccia allo Sbirro che si prefiggeva di schedare tutti i poliziotti presenti ai vari raduni e manifestazioni di piazza.

La cosa curiosa è che tutti i siti che ne hanno parlato non hanno mai citato l'indirizzo del blog (che è qui ma ora si viene indirizzati ad un altro sito).

Tutto sembrerebbe far pensare che il blog è stato creato dal fantomatico (nuovo) Partito Comunista Italiano una sigla sconosciuta che ci richiama alla lotta di classe e del proletariato. I server del sito sono in Francia.

Come potete vedere l'homepage del sito è stata hackerata dal gruppo
NETGODS H@cker Crew che dice di difendere le persone oneste ed i polizziotti.

Ora il blog è sparito non si sa se per opera di NETGODS o dagli esponenti del (nuovo) Partito Comunista Italiano fatto sta che molti politici nostrani non perdono occasioni per dare fiato alla bocca. Esempio lampante è Carla De Albertis che attraverso un comunicato stampa dice che Penati (presidente della provincia di Milano) deve intervenire contro questi terroristi di cui la sinistra è culturalmente responsabile.

Che c'entra Penati? Nulla ma la De Albertis è candidata alle prossime elezioni provinciali con il partito NordDestra è si sa che è meglio fare un pò di caciara invece di parlare del proprio programma elettorale.

Bellezza in bicicletta

Sta riscuotendo un sufficiente successo il bike sharing a Milano ma le cifre sono ancora risibili.

Nel mese di marzo oltre 2000 persone hanno utilizzato le biciclette messe a disposizione del comune per spostarsi nel centro di Milano. E' un inizio ma che denota come progetti seri ed innovativi siano destinati ad avere successo. Il problema ora è continua a sviluppare le banchine ed aumentare sia il numero di biciclette che estendere l'orario del servizio (ora fino alle 23).

Un comune serio, oltre a potenziare il bike sharing dovrebbe investire molto nelle piste ciclabili in Milano e provincia per consentire a tutti i cittadini di utilizzare anche la propria bicicletta per potersi spostare per lavoro e per piacere.

Sarà che Obama sta ripetendo di pensare in verde, sarà che Milano è invivibili in macchina, sarà la bella stagione, sarà la moda ma spero che questo non sia un fuoco di paglia e si possa avere cittadini sempre più responsabili per l'ambiente e la propria salute.

Via | Piste ciclabili a Milano

Una carriera sfolgorante

Devo dire che Daniela Martani sta facendo passi da giganti lavorativamente parlando:

Hostess Alitalia =>
Grande Fratello => Licenziata da Alitalia => La Fattoria => Sipario su rete 4

Leggere frasi del tipo "finalmente lavoro" mi fanno pensare a quante persone vivono il proprio lavoro senza nessuna passione, solo per lo stipendio e nulla più. Se i soldi sono l'unico faro si accetta anche di leggere la scaletta a Sipario, simil trasmissione gossipara di bassa lega.

Qualche mese fa la Martani aveva il cappio e gridava contro Cai ed il governo. Ora lavora per il presidente del consiglio che sicuramente sarà diventato il suo idolo politico ed umano.

Anche così si conquistano i voti. Tristezza.

Un posto migliore

Ecco perchè De Bortoli ha rifiutato la presidenza Rai, aveva un posto migliore da occupare.

Gossip moribondo

Il mercato del gossip in Italia sta boccheggiando non riuscendo più ad essere così focale come qualche anno fa. Colpa della crisi certo, ma anche del fatto che tolto di mezzo Fabrizio Corona la bolla gossippara si è sgonfiata.

Corona portava (lecitamente o illecitamente) foto di tutti i gusti e tutti i tipi e quindi il valore del singolo scatto aumentava giorno dopo giorno visto la fila di redazioni che volevano l'esclusiva per il calciatore, la velina o il politico di turno.

L'aumento esponenziale del mercato del gossip era dovuto in gran parte ai ricatti che Corona stesso faceva ai VIP; forte di questa leva riusciva a strappare cifre considerevoli per foto non sempre di grande impatto mediatico.

Ora con Corona nelle aule dei tribunali a difendersi, tutto sembra tornato indietro di almeno cinque anni con poche foto vere e molto chiacchiericcio pruriginoso.

Qualche direttore starà rimpiangendo il buon Corona, che si era calato perfettamente nel mondo di ipocrisia che circonda lustrini e paillettes.

Pensare al futuro...degli altri

Quando ascolti una persona che ha qualcosa da dire, rimani rapito ma soprattutto inizi a pensare a cosa sia il nostro paese, pensi dove siamo finiti e non sai da che parte iniziare.

domenica 29 marzo 2009

Unirsi per non morire

Lo sbarramento al 4% alle europee ha partorito un mostro elettorale a sinistra che ha questa faccia:


Foto da Unita.it

Si sono uniti Rifondazione Comunista (dopo Bertinotti solo disfatte), Comunisti Italiani (che ho sempre pensato fossero una boy band), Socialismo 2000 (basta guardare il sito per capire le solide basi del progetto politico), Consumatori Uniti (l'ennesimo movimento di consumatori), Sinistra Europea (ci mancavano pure loro) e GNU/NGL (mi sfuggono cosa siano).

A sinistra siamo messi davvero male.

sabato 28 marzo 2009

Ma cosa fa Selvaggia Lucarelli?

La Lucarelli ha iniziato la sua avventura web con un blog dove scriveva in modo brillante ed ironico su tutte le idiozie del mondo maschile. In più ha un decoltè che per i flippati da palestra e non, di certo, non passa inosservato.

Una sua lettera di prese per il culo al direttore della rivista maschile For Men fa il botto, girando impazzita per la rete. Il risultato è che diventa un personaggio.

Leggendo il suo vademecum per non diventare famose mi dico "caspita una che rifugge dalla popolarità e dall'apparenza sempre con ironia. Fico!".

Poi facendo zapping la trovo su ogni canale a dire la sua su: gossip, moda, musica e su tutto il superfluo che gira nella nostra vita quotidiana.

Capisco l'elevato spessore culturale delle trasmissioni come X Factor il processo, Verissimo, Porta a Porta, La vita in diretta ma non era quella che rifuggeva la notorietà?

A me sembra che stia facendo da anni quello che tutte le bellone da tv fanno "devo andare in tv, non so a fare cosa ma l'importante è esserci".

E le prese per il culo agli uomini denim? Evaporate con il successo tanto da fare book fotografici che un camionista non può farsi sfuggire.

Poi lei ci dirà che le foto sono artistiche e non porno-volgari rivolte ad un pubblico intellettuale e voyeristico ma la realtà è un'altra.
Diventare l'oggetto del desidero di quelli che fino a poco tempo fa ridicolizzava fa tenerezza se non molta tristezza.

La Lucarelli non disdegna nulla: reality, trasmissioni, rubriche gossippare, feste in disco, sfilate di moda. Fare tutto per non fare nulla è il motto che guida la sua "carriera" da prezzemolina.

L'ironia che l'ha contraddistinta è sparita prestissimo lasciando spazio ai contratti ed ad essere parte integrante del sistema ferocemente attaccato quando non si era nessuno (ma adesso lo è?). Il conto in banca ringrazia.

E’ la stampa, bellezza. E tu non ci puoi fare niente. Niente!”

Debito pubblico ed evasori

Visto che nessuno politico si prende la responsabilità del nostro debito pubblico, faccio notare come Diego Armando Maradona debba ancora la fisco italiano oltre 37 milioni di euro. Ad oggi lo stato è riuscito a recuperare solo 42mila euro e due orologi.

Per non parlare dei 331 miliardi di euro annuali che si evadono in Italia o di come gli artigiani arrivino ad una media nazionale del 75% di evasione fiscale.

Con questo sistema farsi illusioni di ridurre il debito pubblico è pura follia.

La stronzata del giorno

Dal Congresso del Popolo delle Libertà

Donzelli (Azione Giovani): "Che Guevara? Un sanguinario assassino, che ha contribuito a creare le peggiori dittature del mondo, come a Cuba"

Regole uguali per tutti

Sarà indubbiamente eccessivo prendersela con una persona che fa la carità pur avendo già un sussidio sociale ma in altri paesi le regole ci sono e vengono fatte rispettare.

Preferisco vivere di gran lunga in un paese come l'attuale Germania un pò eccesiva ma rispettosa delle regole che in Italia dove la legge va truffata ed aggirata sempre e comunque perchè "tutti rubano, nessuno ruba".

Fast Debora

Il percorso super accellerato (una settimana) di Debora Serrachiani:

==> Parla ai circoli PD al segretario Franceschini
==> Wittgenstein rilancia il suo intervento
==> Altri Blogger fanno da cassa di risonanza (me compreso)
==> I maggiori giornali online ne parlano (spesso a sproposito e comunque in ritardo)
==> Daria Bignardi la invita all'Era Glaciale

Ed ora? Ho paura che il suo percorso sia stato troppo veloce e che comunque nel PD (che lei ama) ci siano un gruppo dirigente talmente attaccato al proprio cadreghino che farà scivolare via questa piccola ventata di energia ed idee che Debora sta portando.

L'imperatore non interessa più

Strano che dopo il 2008 a scrivere dei problemi alcolici (e non) di Adriano oggi non se ne parli più o perlomeno con molta meno enfasi.

Pare che ci sia stato l'ennesimo festino con trans, travestiti, uomini, donne e compagnia cantante ed Adriano era il promoter. La stampa sportiva nazionale solo con tuttosport riporta la notizia mentre per gazzetta e corriere dello sport non è successo nulla.

Ormai sembra che il gossip calcistico su Adriano non venda più, meglio buttarsi su Beckham e consorte.

Una notizia buona

Da agosto all'idroscalo di Milano ci si potrà connettere gratuitamente ad internet.

Bravo Filippo Penati (presidente provincia di milano).

Facce Nuove

Da sempre chiediamo facce nuove in politica, ci stracciamo le vesti perchè ci sono sempre gli stessi politici di professione. Bene. Poi guardi un qualsiasi sondaggio e capisci che le idee scarseggiano.




Immagini da Demos

venerdì 27 marzo 2009

Congresso PDL: The Begins

"Vi voglio bene, ci vogliamo bene, teneteci nei vostri cuori "
[C'è sempre posto nei miei incubi]


"abbiamo contribuito con i leader russi alla soluzione della crisi georgiana"

[Il leader russo è uno ed è Putin e la crisi in Georgia l'ha fermata la recessione economica]


Berlusconi: "Sarò sempre grato agli Usa per averci salvato dal nazismo e dal comunismo"

[E' bene ricordargli che gli ex An da giovani facevano il saluto romano e che Borghezio da lezioni di politica ai razzisti francesi]


Berlusconi: "Siate divulgatori di notizie buone contro il catastrofismo della sinistra e dei suoi giornali Raccontate le cose buone fatte"

[
A quello ci pensano Studio Aperto, TG4, TG5, IlGiornale, Panorama, etc etc]

Berlusconi insiste sul turismo come importante risorsa del Paese: nei prossimi 10 anni, ci sarà un forte incremento
[Si certo, ma prima cementificare per bene tutto il paese]

Berlusconi: "Abbiamo ereditato un'evasione fiscale che vale il 20% del Pil. Mancano 100 miliardi"
[Le beghe le hanno fatte sempre gli altri. Ricordo che ha depenalizzato moltissimi reati fiscali per non parlare dei condoni]


Berlusconi critica la burocrazia e i suoi costi insostenibili e torna sul discorso del nucleare e delle "infrastrutture disastrate"

[Silvio chi comanda sei tu. Te lo ricordi?]


Berlusconi: "Dai governi precedenti abbiamo ricevuto un'Italia devastata con un debito pubblico insostenibile. Gli handicap del passato"

[
I precedenti Berlusconi hanno contribuito ad aumentare il debito pubblico ma come sempre la memoria è selettiva]

Berlusconi: "La parola sinistra non piace più neanche a sinistra. Eppure una sinistra riformista ci vorrebbe. Noi aspettiamo"

[Semplicemente la sinistra non esiste più, magari la crea lui. Perchè non chiamarla Sinistra delle Libertà?]


Berlusconi: "Il Pd di democratico ha solo il nome. Si è alleato alla peggiore sinistra giustizialista. E così ha perso ad ogni elezione"

[Punto primo: Di Pietro non è di sinistra. Punto secondo: nel '94 lo volevi ministro dell'interno. Punto terzo: fatti processare.]


Si chiama Saverio Raimondo. L'attore, con una giacca rossa, attacca Berlusconi, Brunetta. La sicurezza lo porta via di peso"

[Sto Brunetta fa il duro sempre a 200 metri di distanza]


In sala stampa compare un giovane con la giacca rossa e fa una lunga ed esilarante imitazione del premier che parla

[Te pareva se in una sua convention non doveva capitare qualche fuori programma]


Alessio:"un'istruzione di livello europeo, il diritto di comprarsi una casa e di combattere le lobby"
[
Alessio una casa la compri anche se sei in dittatura, per l'istruzione chiedi alla Gelmini visto che l'ha rasa al suolo. Le lobby...sai cosa significa essere una lobby?]

Federico, sempre a braccio, si lancia in lodi sperticate a Berlusconi: "Sei come un eroe delle fiabe, di quando eravamo piccoli"

[Test antidoping subito. Grazie]


Federico, napoletano, non legge. Ringrazia Berlusconi per aver messo fine "alla vergognosa pagina della spazzatura a Napoli"

[Figurati ci sono voluti solo quindici anni]


Giada: "Sono certa che il Pdl è il mio popolo, il mio partito e Berlusconi è il mio leader"

[Ora preghiamo con il salmo responsoriale numero 39]

Giada parla di meritocrazia, di sicurezza, dice no all'appiattimento, le piaccio la bandiera e l'inno "anche quando non gioca la nazionale"

[Beh l'inno nazionale fa molto destra. Viva i luoghi comuni]


Poi parla Giada: "Non mi piacciono i miei coetanei di sinistra. Non mi piacciono le loro idee, la loro arroganza"

[Si sono dimenticati di scriverti che mangiano ancora i bambini]


Francesca: "Noi non siamo bamboccioni come ci ha definiti un tecnocrate di sinistra. Noi vogliamo partecipare"

[Francesca vivi ancora con mamma e papà vero? Allora sei una bambocciona come Padoa Schioppa aveva detto. Partecipare non c'entra un cazzo e tu stai leggendo non stai partecipando]


Francesca: "Berlusconi, un grande leader che ha salvato un Paese allo sbando che stava per finire in mano alla sinistra"

[Infatti stiamo meglio del '94 siamo tutti più ricchi
e felici]

Quattro giovani -Giada, Federica, alessia e marco - vengono chiamati sul palco

[Pure i giovani che diranno pensieri e parole sicuramente scritte di loro pugno]


Applauso al senatore De Gregorio (Italiani nel mondo), passato, nella scorsa legisltura dall'Idv al centrodestra. Ora confluisce nel Pdl

[Gli applausi sono per il doppio carpiato elettorale, degno del maestro Mastella]

"presidenzialismo e riforme" per Stefania Craxi "oggi è n a bella giornata. Nasce il partito degli italiani che vogliono sentirsi liberi"

[Ma liberi da che?]


Casini fa gli auguri al Pdl: "Un partito che ha così tanti voti merita rispetto e auspici di ogni bene"

[Ok il prossimo che entra nel carrozzone lo sappiamo]


Una valigetta grigia con stemma Pdl: il kit dei delegati. Dentro, Carta dei valori, tomo sul governo, pendrive, spilla, medaglia e pergamena

[Accipicchia, manca solo il mantello di Superman e la bandana]

Sul palco non c'è un tavolo di "presidenza", Berlusconi sarà solo
[E poi tutti mi spiegano che c'è democrazia del PDL, ma per favore]


Via | Repubblica Twitter

Piste Ciclabili

Visto che bisogna avere più cultura ambientale a prescindere dalla incapacità dei nostri politici, segnalo pisteciclabili.com che è indubbiamente il sito di riferimento per conoscere tutte le piste ciclabili sparse per la penisola.

Con la primavera alla porte le piste ciclabili devono essere il nostro punto di riferimento per le gite fuori porta.

Mal d'aria

La Lombardia (e soprattutto Milano) sono ormai da un decennio invivibili strette nella logica economica della produzione industriale. Il risultato è stata una cementificazione selvaggia a scapito di politiche del trasporto pubblico che costano e non producono effetti economici diretti e visibili.

Questo mare di cemento continuerà almeno fino al 2015 quando l'expo arriverà in città. Costruire la nuova sede della regione distruggendo il bosco di gioia, mettere in cantiere la Pedemontana e la BreBeMi che sposteranno i colli di bottiglia del traffico automobilistico contribuiranno ad avere l'aria sempre più inquinata e città sempre meno vivibili avendo ad ogni latitudine cemento ed automobili.

Una grande responsabilità ce l'hanno i governi di centro-destra che stanno governado la regione da quasi un ventennio. Albertini, Formigoni, Moratti non hanno fatto nulla per migliorare la situazione introducendo solo paliativi come le targhe alterne, l'ecopass, piantare alberelli con funzioni da sparti traffico. Senza una politica omogenea su tutta la regione non si va da nessuna parte.

Vorrei avere politici milanesi che dicano più trasporto pubblico e meno autostrade, spendere per una rete di piste ciclabili con incentivi per l'acquisto di biciclette, difendere ed incrementare i parchi pubblici.

Finchè voteremo persone che non hanno a cuore la salute dei loro elettori continueremo a respirare merda.

giovedì 26 marzo 2009

Celtic League, due squadre italiane nel 2010...forse

I giornali italiani hanno dato grosso risalto alla notizia che la Celtic League (campionato di rugby di squadre gallesi, irlandesi e scozzesi) ha invitato formalmente due team italiani per il campionato 2010.

Il problema è che questa ammissione è condizionato da innumerevoli fattori. Come scritto dall'Irish Times la cosa che preoccupa maggiormente le province della Celtic League è l'aspetto commerciale. Senza specifici contratti televisivi e stadi in regola il tutto potrebbe saltare.

Attualmente non si sa ancora quali squadre parteciperanno alla Celtic League ma indubbiamente bisogna fare le cose bene ed in fretta (vero presidente Dondi?) perchè l'Italia del rugby ha tutto da guadagnare mentre la Celtic League può veder impoverirsi il proprio campionato.

Speriamo bene.

Apparenze

A me quando Fini esterna contro Berlusconi mi viene in mente una vignetta di ElleKappa che recita così:

"Berlusconi e Fini presto diventeranno una cosa sola. Berlusconi"

mercoledì 25 marzo 2009

Non c'era solo Moggi

Il calcio italiano è in mano a presidenti a dir poco incompetenti che hanno utilizzato lo sport più popolare per diventare famosi e poter arricchirsi attraverso il gioco del pallone.

Moggi era il più filibustiere tra i filibustieri ed infatti destituiti il desposta calcistico tutti i problemi che c'era sul tavolo prima ci sono adesso solo che sono cambiate la frasi per non risolverli.

Prendiamo Zamparini, presidente del Palermo. Acquistando la società è riuscito a mettere radici più profonde sull'isola grazie ai supermercati EmmeZeta, Non passa anno che dice di voler vendere la società, perchè stufo del sistema, degli arbitri o delle inchieste sulle presunte partite truccate dalla mafia. Ovviamente ogni anno è sempre lì al suo posto in tribuna.

Il problema di Zamparini (e di molti altri presidenti) è che non si indignano mai di nulla. Se avessi un collaboratore indagato per rapporti con organizzazioni criminiali farei di tutto per accertare la verità, visto che ne va del buon nome della società che io presiedo.

Il presidente del Palermo inverce tergiversa, parla di segnali, di accanimento giudiziario su dei reati che sono andati prescritti. Ricordo che la prescrizione non fa ancdare più in galera ma essere condannati da un tribunale è un marchio morale che ti rimane tutta la vita. Poi a molti non frega nulla e continuano a delinquere ma ad altri sapere che nel calcio ci sono persone pre giudicate può non far piacere.

Finchè ci saranno questi presidenti il calcio non risolverà nessuno dei suoi problemi.

Guidare una formula uno via smart phone

Pazzesco quello che hanno fatto Simon e Steve che hanno utilizzato il Blackberry Storm per controllare prima un modellino in scala della McLaren, l'hanno provato la domenica nel loro ufficio (spettacolare la pista) ed infine sono stati contattati dalla scuderia stessa che ha riportato il sistema sulla macchina da formula uno originale.

Il risultato è che anche Luis Hamilton ha potuto guidare la sua macchina rimanendo a bordo pista. Questo video ci conferma che oggi si potrebbe correre un campionato di formula uno senza i piloti nelle macchine!


Tutta l'Europa lo voleva

Solo pochi giorni fa aveva dichiarato che il piano casa lo voleva tutta l'Europa. Un qualsiasi giocatore di poker capiva benissimo l'ultimo bluff per far passare un decreto legge (o legge?) che non stava in piedi da nessuna parte ma serviva solo a cementificare e distruggere il nosto paesaggio naturale (o di quello che ne rimane).

L'immagine che i primi ministri di Germania ed Inghilterra chiedevano lumi su come ampliare la cubatura delle case faceva scompisciare dal ridere. Spiegare una proposta di legge non ancora in vigore in un altro paese europeo era come spiegare il condono edilizio. Impossibile.

Ora che ha ricevuto pesci in faccia un pò da tutti, torna su suoi passi. Il testo non è suo, il Silvio Berlusconi in carica è un sosia, vale solo per le ville. Essere la vittima incompresa da tutti è la sua via d'uscita alle solite figure di merda che fa in pubblico (ma di cui nessuno tiene conto).

Il nostro primo ministro è sempre stato uno sciagurato venditore di aspirapolveri. Quando il cliente storce il naso ecco la frase ad effetto, l'offerta scontatissima, i paragoni con gli altri concorrenti. Lui si comporta così con gli italiani l'ha sempre fatto e sempre lo farà.

Ormai sono passati quindici anni dalla novità Berlusconi e mi chiedo come ancora non siamo stufi di essere presi per il culo un giorno si e l'altro pure. Avere qualcuno che continua a dirci che tutto va bene, che siamo i migliori, che tutti ci invidian
o ha solo un effetto: non far vedere la realtà e quindi andare avanti senza fare nulla per migliorare la situazione.

Di tutta questa pagliacciata mi rimane in mente una frase: "Niente abusi avrà effetti straordinari"

Adesso chi glielo dice ai suoi elettori entusiasti della prima ora?

Parlare non a vanvera

Biotestamento, "Nutrizione e idratazione vietate nella dichiarazione di volontà"

Vita da Reality

Capita che ti chiama Karol come Woitjla ma sei romeno e sei finito in Italia un pò per fame un pò perchè ti hanno detto che qui non c'è molto rispetto della legge.

Vorresti fare il pasticcere ma parli solo un dialetto della transilvania, ma a noi italiani della transilvania ci piace solo Dracula e così vieni accusato di uno stupro che non hai fatto. Ti sbattono in carcere, fanno corsi di aggiornamento alle forze dell'ordine per la stupenda metodologia d'indagine, emettono già la sentenza...tanto tu sei romeno e non parli l'italiano meglio chiuderla qui.

Il Dna di una persona non ha lingua ed in CSI mi hanno sempre insegnato che non sbaglia mai, così le crepe iniziano a vedersi ma tutti ad ostinarsi a dire che sei stato tu. Sono talmente fissate che una trasmissione televisiva italiana ti dedica due puntate di gogna mediatica non dandoti nessuna possibilità d'innocenza.

Poi si scopre che tu non c'entri nulla, che è stato un terribile errore. Tutti si scusano. Non contenti gli stessi che avevano creato la santa inquisizione televisiva diventano evangelisti e ti dedicano una puntata da standing ovations.

Domani i riflettori si spegneranno e tu ritornerai ad essere un romeno sotto osservazione.

martedì 24 marzo 2009

L'anormalità del PD

Debora Seracchiani è una ragazza di Udine che è anche consigliere provinciale del PD.

Debora è fresca, solare ed ha detto al segretario Franceschini cose molto condivisibili ma soprattutto semplici e di buon senso. Il risultato è che ad ogni sua frase la platea l'acclamava, la faceva sentire importante a discapito di un segretario che aveva l'applauso ed il sorriso di circostanza.

Il punto è proprio questo, l'anormalità della politica. Non c'è un leader politico italiano da cui puoi imparare qualcosa, da cui puoi attingere per sviluppare nuove discorsi, nuovi pensieri. Partendo da questo presupposto la piramide si rovescia e la base diventa il veicolo carica di energia positiva, carica di speranza per il futuro. C'è qualcosa che non va.

Io ho paura che anche se riuscissimo ad avere un politico giovane e brillante l'elettorato non lo capirebbe ed eleggerebbe un barabba qualsiasi perchè alla fine la maggioranza di noi è contro le regole condivise e da rispettare. La cattiva politica ci ha fatto sviluppare gli anticorpi alla legalità perchè ogni giorno il politicante di turno ci sbatte in faccia l'ennesimo abuso fatto in nome del popolo italiano.

E' un bene che ragazzi come Debora siano in politica perchè portano un senso di credibilità nuovo.

Il problema è che non abbiamo idee nuove, non riusciamo a darci obiettivi al passo con i tempi con un linguaggio nuovo e soprattutto comprensibile alla maggioranza delle persone.

Rimaniamo ancorati ad una mentalità passata ed ogni ragazzo che si affaccia in politica ce lo ricorda in modo schietto e sincero turbando le nostre fragili convinzioni.

Un blog specchiato

Attaccare il mondo del porno italiano (o pseudo tale) è un pò come sparare sulla croce rossa. Farsi belli ed austeri con personaggi che contano poco o nulla presso l'opinione pubblica è un pò come vedere Rambo assaltare un casa di riposo in ristrutturazione.

Il mondo del giornalismo è però ricco di personaggi che diventano paladini del buon costume a sforzo zero come il Francesco Specchia's blog.

Specchia da comodamente del pappone a Corrado Fumagalli (che si scrive staccato e con il nome ed il cognome maiuscoli in quanto è una persona) insultato gratuitamente e fuori luogo ma che viene sdoganato con l'aggettivo autorizzato. Roba da querela.

Lo Specchia non sembra ferrato nemmeno sulla geografia dell'Europa dell'est visto che ci dice che le protagoniste di "Sexy Bar" (creatura televisiva del Fumagalli) sono tutte ucraine o bresciane salvo poi dirci che tutti i film porno recensiti in trasmissione sono girati a Praga. L'equazione Ucraina:Kiev = Repubblica Ceca:Praga non deve aver fatto proseliti nel blog di libero news.

Dire che tutte le pornostar sono sempre "aspiranti" e nessuna ce l'ha mai fatta denota l'altissima conoscenza del settore. Donne come Moana Pozzi, Cicciolina, Eva Henger (sì Specchia, quella che guardi a Paperissima è un ex-pornostar e per giunta ex-moglie di Schicchi...brrr che oscenità, vero?) Selen, Jessica Rizzo, Milly D'abbraccio hanno riempito palinsesti e trasmissioni televisive per anni. Suvvia un buon giornalista non guarda solo la Champions League ed i Reality.

Dietro a questo articolo rimane la tristezza e la semi clandestinità di un settore cinematografico incapace di fare squadra e non essere più preso a pesci in faccia dal giornalista o politico di turno.

Più che Amici sono cantanti

A me di Amici non me ne frega moltissimo anzi, lo vedo salturiamente fra un canale e l'altro.

Non posso non notare però che tra i quattro finalisti tre sono cantanti contro un solo ballerino. Scopro anche che i tre cantanti hanno tutti un contratto discografico già firmato e si può dire che il più grande prodotto di questo reality è stato Marco Carta (anch'esso cantante) fresco vincitore di Sanremo 2009.

Questa è l'ottava edizione e nelle precedenti sette edizioni ben cinque si sono concluse con il vincitore che era un cantante. Anche quest'anno tutta sembra far pensare ad un ennesimo vincitore cantante.

Si è sempre detto che Amici è un talent show ma sembra indiscutibilmente puntare solo sui cantanti. Partecipare come ballerino o ancora peggio come attore (unico salito sul podio è Andrea Dianetti nel 2006) non dà alcuna possibilità di emergere e di essere notato.

A pensarci forse non è proprio un talent show visto che essere bravi ballerini e/o attori richiede maggiore studio rispetto ad un cantante il quale punta molto sulle doti naturali.

E se fossero gli insegnanti la grande bufala di questo programma?

Europa 7 ed il compromesso politico

Vedere l'inchiesta di Report su Europa 7 (vedi la storia in Wikipedia) ci fa capire che tutte le parti politiche si mettano d'accordo per sanare malcostume, leggi incostituzionali che difendono interessi di privati a scapito della concorrenza e quindi dell'economia italiana.

Se una tv privata (centro-destra) è palesemente illegale si offre all'altra parte politica (centro-sinistra) la proprietà morale di una rete rai (rai tre) e tutti sono felici e contenti.

Il problema che se i due poli politici si uniscono nel malaffare ogni loro campagna morale /politica assume i contorni della farsa agli occhi degli elettori con spirito critico (ce ne sono ancora vero?).

Se analizziamo gli ultimi quindici anni sono spariti dall'agenda politica questioni morali di primissima importanza come il conflitto d'interesse, le truffe bancarie, la corruzione in politica, i reati finanziari. La sinistra è diventata compartecipe della destra, basti pensare sia alla questione televisiva che a quella bancaria (caso Unipol).

Tutti i protagonisti di questa stagione sono tutti ancora ai loro posti, un pò defilati ma ancora con tantissima voce in capitolo e quindi non dobbiamo sperare in nessun cambio di rotta nel prossimo futuro.

Intanto Europa 7 continua a non trasmettere sul territorio nazionale.

lunedì 23 marzo 2009

Elezioni democratiche

Che bello vedere candidarsi alla presidenza della FIGC solo una persona, essere eletta con il 98% dei voti e le prime parole pronunciate sono "Grazie per la fiducia che mi avete dato, e che spero di onorare con l'impegno e con i risultati."

Direi che solo in Bulgaria pre muro di Berlino era avvezzi ad organizzare farse di quesa portata.

Trovate l'intruso

W la maternità

Curioso come la nostra società, a parole, sia sempre carica di energia nel difendere la famiglia, la sacra colonna su cui si fonda la nostra società.

Le donne devono avere figli e poterli accudire senza per questo essere discriminate sul posto del lavoro. L'unica famiglia vera e certificata è quella cristina, sposata in chiesa che fa sesso per procreare mica per provare quella disdicevole emozione che è l'orgasmo. Proprio per affermare tutto ciò si era fatto pura la giornata della famiglia (o meglio il "family day") ma ormai quasi nessuno si ricorda chi vi aveva partecipato nè tantomeno chi lo avevo organizzato.

Come sappiamo tutti, la realtà è terribilmente diversa dal cumulo di pippe mentali che ci propinano i politici e la tv. Proprio la televisione ci chiarisce la condizione della donna in maternità: una sfigata lavorativa.

Ne sa bene qualcosa Antonella Clerici che prima di avere un figlio era la regina del mezzogiorno culinario. Successo, fama e mille complimenti per l'Antonella nazionale che tutta contenta del suo successo ha messo in cantiere un figlio. Per farla sentire importante anche Bonolis l'aveva chiamata da Sanremo per sapere come stava la sua piccola.

Tutto bene? Macchè. La Clerici perde prima Mezzogiorno di cuoco e poi anche la conduzione del Treno dei Desideri soppiantata da due conduttrici scope ma che sono giovani, carine e non pensano di avere figli per i prossimi dieci anni.

Quando vi parlano ancora del ruolo fondamentale della donna nel lavoro mandateli affanculo.

Fra una faccina e l'altra

Il buon Brunetta ha lanciato le faccine della pubblica amministrazione. Se vogliamo è un sistema preistorico (informaticamente parlando) per dare la propria opinione sul lavoro degli impiegati pubblici.

Smile verde sorridente giudizio positivo, smile arancio serio giudizio neutro, smile rosso incazzato giudizio negativo. Per sta cazzata non bisognava chiamare i giornalisti e farsi fotografare in pose da discobolo come se si fosse portato il verbo dell'informatizzazione nella pubblica amministrazione. Un ministro più serio avrebbe diramato un comunicato in cui si annunciava il sistema dei tre smile e si sarebbe occupato di altro.

Magari dirci (in tempi brevi) quando andrà online il portale del turismo Italia.it o almeno chiederlo al futuro ministro del turismo, Michela Brambilla. Il contatore che ho sul blog continua ad andare avanti inesorabile e siamo quasi a 300 giorni dopo che la stessa Brambilla aveva dichiarato che Italia.it sarebbe ritornato più forte di prima.

Quando si parla di internet trovi un deserto politico inquietante e ti cascano le braccia quando le piccole cose che vengono fatte assumono i connotati di un'impresa senza precedenti.

Più che i tre smiles a me sembra il gioco delle tre scimmiette.

Io Amo Internet

Una boccata d'aria fresca nel leggere AmoInternet che si propone di diventare il sito manifesto in difesa di internet. Il web è uno strumento indispensabile sia per la nostra economia che per la nostra cultura.

Dobbiamo con le buone o con le cattive evangelizzare i nostri politici, fargli capire che gli strumenti di censura sono inutili, costosi e dannosi per i cittadini. Bisogna puntare sulla banda larga per colmare il "digital divide" tra regione e regione (ad esempio in Abruzzo si naviga ancora con il modem 56k).

AmoInternet va di diritto nei miei link.

Le dimensioni contano

Hosting gratuito

domenica 22 marzo 2009

Prestito Vitalizio Ipotecario

Visto che di case il nostro governo si riempie la bocca elencando i vantaggi economici per l'economia italiana c'è una nuova trappola finanziaria che farà danni nei prossimi anni: il prestito vitalizio ipotecario.

Che cos'è
Il prestito vitalizio ipotecario è una formula di prestito riservato alle persone over 65 che possiedono una casa.

Come funziona
L'istituto bancario e/o finanziario eroga un prestito al proprietario della casa tra il 20 ed il 50% del valore della casa lasciando agli eredi il compito di restituirla, con i dovuti interessi e spese. La percentuale della somma erogata, rispetto al valore del bene “casa”, è in funzione dell’età del richiedente: più si è in là con gli anni e maggiore sarà l’importo ottenibile.

I vantaggi
Il vantaggio immediato è per il pensionato anche se al momento in cui viene erogato un prestito vitalizio ipotecario, ad esempio, di 55 mila euro, bisognerà sottrarre circa il 20% di oneri fissi (spese notarili, rogito, perizie, assicurazione, spese banca, ecc.), che riducono a 45 mila euro la somma effettivamente consegnata versata. Cedendo la propria casa ottiene un'ottima somma da devolvere per le sue cure o per aiutare un figlio a comprare casa.

Il vantaggio più grosso è però dell'istituto erogante il prestito perchè ha acquistato un immobile ad un terzo del valore di mercato in modo legale e pone i tassi di interesse attualmente tra il 6 ed il 6,5% e con spese fisse determinate da una serie di clausole e di condizioni capestro.

Gli svantaggi
A rimetterci sono i figli e/o parenti del pensionato che, una volta stipulato il contratto, hanno a loro carico tutti gli interessi (quindi i costi) che questo prestito vitalizio comporta.

Ad esempio se dopo dieci anni il pensionato muore, ammesso che i tassi di interesse non abbiano subito variazioni, chi eredita il bene immobile dovrà restituire ben 98 mila euro, a cui vanno aggiunti altri 5-6 mila euro, e forse più, già pagati annualmente (rinnovo polizza assicurativa, spese registrazione,invio estratti conto, ecc). Quindi, a conti fatti, si ottengono 45 mila euro e se ne versa un importo pari a due volte e mezzo.

Un'altro svantaggio è che L’anziano, fino alla sua morte, praticamente non potrà più disporre a suo piacimento dell’immobile, né compiere qualsiasi atto di disponibilità, mentre la parte finanziatrice può modificare le condizioni economiche del contratto, in qualunque momento in ragione di incrementi di costi legati a variazioni di legge o di regolamenti. Uno strozzinaggio anno dopo anno.

Possono rientrare in possesso della casa?

Come detto in precedenza l'istituto erogante diventa proprietario della casa all'atto della stipulazione del contratto. L'unico modo che hanno i figli e/o parenti per ritornare in possesso della casa è pagare tutti i costi che si sono accumulati nel corso degli anni del contratto, il tutto entro 12 mesi. In pratica per rientrare in possesso della casa bisognerà pagare una cifra pari a tre volte quella prestata dall'istituto. Capite bene che in molti casi i familiari non saranno in grado di pagarla e quindi perderanno l'immobile.

Legislazione

Nella finanziaria 2006 è stato introdotto il prestito vitalizio ipotecario. Il problema che ad oggi non c'è traccia della regolamentazione finanziaria che questi prodotti debbono avere. In una legislazione da far west è facilissimo che vengano applicati tassi che rasentano l'usura.


Si tratta quindi di un attacco al mercato dei proprietari di casa anziani che vengono invogliati a sottoscrivere il prestito in un clima di crisi finanziaria globale. Ogni anziano diventa una potenziale vittima a cui spillare la casa a prezzi irrisori.

Se avete parenti in queste condizioni metteteli in guardia e non fate firmare nulla.

Passate parola.

sabato 21 marzo 2009

Una fissazione

Ma i componenti del governo/maggioranza si parlano?

Adesso pure Alfano vuole fermare gli Abusi su YouTube, ovviamente appena i tecnici troveranno una soluzione.

L'unica soluzione che troveranno sarà la censura mascherata da difesa dei diritti dei bambini (chissà perchè si utilizzano sempre i bimbi per giustificare le proprie azioni legislative).

Mi ricordo il precedente governo Berlusconi delle tre I: Inglese, Internet, Impresa.

Delle tre I non è rimasto più nulla.

Congresso An: The End

Il cantante Enrico Ruggeri, accompagnato da un coro di ragazzi, canta "Si può dare di più"
[Ma Ruggeri da giovane non era di sinistra?]


La Russa: "Fallito il processo massificante e relativista della sinistra marxista e giacobina. Vanno avanti i nostri valori"
[Il problema è capire quali siano]

La Russa: "Non c'è problema di leader del Pdl, perché è giusto che il leader sia Silvio Berlusconi"

[Berlusconi sarà il padre padrone del PDL ammetterlo non guasterebbe]


La Russa sulle ronde: "Non sarebbero passate se non avessimo ottenuto alcune regole sulla loro formazione"

[Mi sfuggono le suddette regole]


La Russa: "Il Pdl avrà un presidente e un ufficio di presidenza di 20 persone e una direzione di 60/120 persone"

[Caspiterina, una partito snello snello con quasi 150 persone a dirigerlo]

La Russa: "I coordinatori regionali saranno nominati dal presidente, avranno un vice vicario. Quelli provinciali, a regime, saranno eletti"

[In pratica li nomina Berlusconi]


Servello ricorda i martiri delle foibe. Tutta la platea in piedi applaude. Poi dà la parola al sindaco Alemanno

[Gli unici morti che possono ricordare senza provare rimorso]

Matteoli (ministro dei Trasporti) sul tema del leader. "Fini è un leader. I partiti, però, hanno un solo segretario, non possono averne due"

[In pratica Fini non conterà un cazzo]

Mirko Tremaglia lancia un monito: "Attenti a non rinunciare alla nostra storia. C'è molta gente che ci ha lasciato la pelle"
[Questo si deve ancora riprendere dal voto degli italiani all'estero]

Via | Twitter Repubblica

Tv per ragazzi

Trovo avvilente come ancora oggi Mike Bongiorno faccia notizia se passa da Mediaset a Sky. Mediaset, giustamente, non gli ha rinnovato il contratto e lui è diventato il nuovo Baldini per Fiorello targato Sky.

Un ultra 80enne che ha fatto la storia della tv ma che oggi non avrebbe più nulla da dire ed invece fluttua tra pubblicità e la tv. Un ever green come molti altri personaggi televisivi che in questo paese godono sempre di onoreficenze e credito, quando dovrebbero essere ricordati per quello che hanno fatto ma nulla più.

In tv (ma non solo) c'è l'incapacità di inventarsi un nuovo futuro rimanendo ancorati ad un passato che ci piace, ci ristora e conforta ma che ci allontana dal resto del mondo.

venerdì 20 marzo 2009

Ninna Nanna

Pseudo Autostrade

Ormai la Salerno - Reggio Calabria per tutti i mezzi di comunicazione è diventata l'A3. Punto.

Dovrebbe essere un'autostrada mentre invece ha i semafori fuori da ogni galleria, ha i camioncini blocca traffico per poter consentire di vendere bibite fresche a 10 euro, ha avvallamenti degni del deserto del Sahara. Insomma è la Salerno - Reggio Calabria.

Chiamarla A3 è come nascondere la polvere sotto il tappeto, sviare l'attenzione su tutti i problemi di questo tratto di autostrada italiana.

A me sembra che A3 sia più adatto al nuovo modello di Citroen.

martedì 17 marzo 2009

Atroce dubbio

Visto che ormai Raynair fa pagare anche l'aria, dopo aver letto questa notizia la domanda sorge spontanea: non è che che stanno pensando ad un nuovo servizio extra?

Tornando seri, plaudo alla presa di posizione della compagnia irlandese che sancisce un sacrosanto diritto: fuori dall'orario di lavoro ogniuno puà fare ciò che vuole (senza essere discriminato).

Happy Paddy's Day


Foto di Afp (via Corriere.it)

Tutto per il popolo

Credo che se i sondaggi prossimi futuri daranno ancora un trend negativo molti esponenti del governo ammiccheranno a formazioni neofasciste visto che sembrano in forte ascesa sia tra i giovani sia tra i nostalgici.

Ormai fare apologia di fascismo va di moda, non scandalizza più nessuno e fa "cool", ci si può bullare di essere duri e puri magari con un bel saluto romano. Quasi tutti i fasci contemporanei non sanno la storia, non l'hanno studiato e sono diventati fascisti in curva perchè ci si annoiava tanto.

Governare con i sondaggi in mano è un pò come navigare a vista....l'importante che non affondi la barca e se dovesse affondare la si abbandona con un ragionevole anticipo.

sabato 14 marzo 2009

Paesi vicini alla bancarotta

La Grecia è sull'orlo della bancarotta. La sua economia è morta e la sua politica non propone soluzioni convincenti. Il governo di destra è sotto attacco da mesi mentre la sinistra continua ad essere divisa e litigiosa.

In questo scenario le tensioni sociali sono esplose, prima con i gruppi terroristi rossi ora con gli anarchici.

I bersagli sono banche, polizia e lusso. Se gli anarchici e i terroristi si uniscono possono diventare veramente una minaccia per il paese vista l'incapacità attuale di arginare il fenomeno.

E' in Italia? Di grosse tensioni sociali non ce ne sono ancora (per fortuna) ma dalle università spirano venti non belli. Scontri tra studenti di destra e di sinistra, tra studenti e polizia, tra studenti e polizia in piazza Cadorna il tutto nel giro di tre mesi.

Ladri di polli

Molte persone credevano che Mentana direttore del TG5 era una prova inconfutabile che il proprietario di Mediaset era un democratico, amava le voci dissonanti dalla sua.

Ora che Mentana è stata cacciato per aver invitato Di Pietro a Matrix non ho sentito quasi nessuno dire che in Mediaset non c'è libertà d'informazione. I furboni hanno spostato il tiro: ci sono Striscia la Notizia e Le Iene che scovano i delinquenti!

Per quanto concerne Striscia La Notizia è proprio Antonio Ricci in persona che sa che ha un perimetro di manovra molto ristretto: cartomanti, finti guaritori, sperperi edilizi e stop. Credere che Striscia la Notizia sia un'entità indipendente da Mediaset è pura follia.

Stesso discorso per le Iene. Anche qui il perimetro d'azione è limitato ma ogni tanto fanno un escursione nella politica per denunciare uno dei mille sprechi.
Questa volta è toccato ai biglietti ai politici per la partita di Champions Roma - Arsenal. L'aggravante è che venivano recuperati con auto blu in servizio e sempre dall'autista di turno. Insomma un servizio take away.

Questo servizio non farà smuovere nulla, il ministro Brunetta non dirà una parola perchè i fannulloni stanno da altre parti e lui li deve scovare e punire.

Mi chiedo sempre con tutte questi sprechi quanto potremmo ancora reggere.

venerdì 13 marzo 2009

Il cavaliere della tavola rotonda

Già mi immagino i discorsoni che hanno fatto questa popò di tavolata.

Qualcuno potrebbe intervistare i camerieri?

mercoledì 11 marzo 2009

Venti di Crisi

Nessun giornale o telegiornale italiano sta dando risalto alla rabbia delle popolazioni dell'est Europa nel bel mezzo di una crisi economica che sta mettendo in ginocchio la loro economia.

Leggendo l'articolo di Jason Burke del Guardian si capisce come già molti stati dell'est debbano fare i conti con sommosse popolari violente che si accompagnano alla crescente popolarità dei gruppi populisti di estrema destra
(come in Repubblica Ceca, dove 700 estremisti di destra si sono scontrati con la polizia).

Il problema dell'est Europa che le aziende chiudono i battenti, l'inflazione va alle stelle ed il potere d'acquisto crolla. Questo mix ha scatenato rabbia contro il governo e la caccia allo straniero.

Ad oggi sono quattro gli stati più esplosivi: Bulgaria, Estonia, Lituania e Lettonia.

Sono paesi che in totale fanno 14 milioni di abitanti ma dobbiamo pensare che presto anche in Romania potrebbero scoppiare disordini. A Bucarest non passa giorno che non chiuda una fabbrica (ultima la Dacia, della Renault, che ha lasciato a casa 4000 lavoratori) e l'aria è davvero pesante.

Invece di preoccuparci solo degli stupri fatti da romeni forse sarebbe meglio fare vera informazione prima che tutto diventi ingovernabile.

Mali di stagione

Buone notizie dall'infermeria della Juventus. Pavel Nedved non ha nessuna frattura alle costole. E' solo un pò di artrosi.

Glielo dite voi a Tremonti?

Bisognerebbe che qualcuno dica al ministro dell'economia Giulio Tremonti che il nostro debito pubblio è arrivato a 1670,6 miliardi di euro e che il rendimento dei bot è al minimo storico.

Ricordo che il nostro debito pubblico è finanziato grazie alle aste dei Bot, ovvero lo stato può reggersi in piedi perchè qualcuno compra il nostro debito. Se le aste dovessero andare deserte ecco che arriverebbe la bancarotta.

Abbiamo un debito pubblico degno dei paesi africani (vedere il grafico) che non riusciamo ad abbassare significativamente. Questo perchè abbiamo un paese fortemente squilibrato, dove la ricchezza non viene redistribuita in modo omogeneo ma sperperata tra corporazioni in modo egoistico, clientelare e familiare.

Secondo voi per quanto potremmo reggere ancora?

Copyright a 95 anni? No Grazie

Sono totalmente d'accordo con la presa di posizione di Nexa contro l'estensione del copyright da 50 a 95 anni.

Tutti gli studi indipendenti hanno dato esito contrario ma il commissario per il mercato interno Charles McCreevy porterà questa proposta di legge alla votazione il 23 marzo.

Estendere il copyright a 95 anni vuole dire non permettere la libera circolazione di moltissime opere, rendere ricchi i figli ed i nipoti dell'artista (che non hanno nessun merito nella creazione dell'opera) e va contro
l'oggettiva riduzione della vita commerciale di un contenuto nell'era digitale.

Se avete a cuore anche voi la libera circolazione postato il comunicato nei vostri blog.

Potete scrivere al portavoce della commissione presieduta da McCreevy per manifestare il proprio dissenso alla proposta.

Via | Copyright sotto tiro, accademici europei contro l'estensione

Via | Download illegali e copyright. Gli Stati di fronte al bivio
Via | Copyright UE, 95 anni ma non per tutti

Una crepa

Sto Franceschini non sarà un leader nato ma ha il sacro fuoco di chi è precario e quindi è iperattivo nel cerca qualche crepa nel governo o per meglio dirla fare finalmente l'opposizione.

Lo fa per dire io ci sono, non sono di passaggio, vi potete fidare di me.

Forse si sta capendo che proporre idee concrete un giorno sì e l'altro pure provoca qualche effetto nella maggioranza che forse non è così coesa come lo si vuol far credere.

Visto che la questione crisi globale è attualissima ed il governo l'affronta riducendo l'iva ai ceti medi le proposte del segretario del PD vanno nella giusta direzione: mettere a nudo le incertezze economiche del governo.

A mio avviso ci sta riuscendo. Per i risultati concreti bisognerà battere ancora per qualche mese.

martedì 10 marzo 2009

Liste Civiche a 5 stelle: qualcosa non torna

Beppe Grillo ha incontrato lo scorso 8 marzo a Firenze le liste civiche a cinque stelle da lui sostenute per le prossime elezioni comunali di giugno.

Le liste civiche a cinque stelle sono certificate da Grillo.

Non so se questa iniziativa politica di Grillo avrà successo ma c'è qualcosa che non mi torna per le liste civiche che hanno partecipato all'incontro.

Nel elenco fornito da Grillo ci sono le seguenti liste:

lista civica di Treviso
lista civica di Firenze
lista civica di Bologna
lista civica di Fano
lista civica di Roma
lista civica di Torino
lista civica di Pescara
lista civica di Perugia
lista civica di Bergamo
lista civica di Nettuno
lista civica di Spoleto
lista civica di Forlì
lista civica di Pozzuoli in Comune
lista civica di Fiumicino

Ma se noi andiamo a guardare le liste civiche certificate ad oggi (le trovate in basso a destra) l'elenco è il seguente:

Bagnolo In Piano
Bernalda
Bologna
Cattolica
Fano
Ferrara
Padova
Pesaro
Rivoli
Roma
San Miniato
Torino
Treviso

In pratica solo le liste civiche di Treviso, Bologna, Fano, Roma e Torino sono state certificate da Grillo. Vien da sè che tutti gli altri gruppi partecipanti sono meetup che non hanno niente a che vedere con le liste civiche.

Il sito ufficiale delle liste civiche potrebbe non essere aggiornato e quindi si spiegherebbe il tutto altrimenti dire che hanno partecipato 14 liste civiche (più 7 meetup) invece di 5 liste civiche non mi sembra corretto.

Io non sono come la stampa

Ora che anche la cassazione ci dice che blog, forum e newsgroup non sono organi di stampa sono un pò più tranquillo.

Certo i blogger hanno maggiori possibilità di venire oscurati ma per contro tutte quelle leggi e leggine che volevano equiparare i blog ad organi di stampa, da oggi naufragano.

Un blog o un forum sono come bacheche in cui si possono lasciare liberamente messaggi di qualunque tipo. Non è compito nè responsabilità del proprietario del sito controllare la natura di questi messaggi ma la responsabilità è di chi scrive (come è giusto che sia).

E' una bella notizia (un pò meno per la Carlucci) anche se bisognerà spiegare al giudice di turno che se uno scrive un commento diffamatorio solo il commento deve essere oscurato e non tutto il blog.

Un ultimo appunto: ma tutti quelli che dicono che per internet non vale nessuna legge italiana ne sono ancora convinti?

Sgravi fiscali per le terme

Tutti ci dicono che uno dei problemi dell'Italia è il mancato potere d'acquisto dei lavoratori perchè abbiamo gli stipendi più bassi d'Europa.

Il problema è risaputo e tutti a parole, dai politici agli industriali ai sindacati, pontificano su come ridare potere d'acquisto alle famiglie.

Poi bisogna analizzare i fatti e come sempre i fatti puntano dalla parte opposta: sgravi fiscali a chi ha già un tenore di vita medio alto, gli altri si fottano con gli ammortizzatori sociali/social card (se gli spetta).

Ma come si fa a portare al 10% l'iva (definitivamente) per ristrutturare case, la ristorazione, la pelletteria (chissà perchè) e la cura della persona (quesa è geniale).

Abbiamo migliaia di persone senza lavoro e noi incentiviamo il superfluo.

Vorrei vedere le facce di tutti gli operai che hanno votato Lega Nord e dirgli se questo ministro dell'economia (protetto di Bossi) sta facendo qualcosa per loro.

Usa e getta

L'hanno utilizzata per qualche puntata nel Grande Fratello, poi se ne è andata via perchè rischiava il licenziamento da Alitalia. L'hanno licenziata e per consolarla l'hanno piazzata alla Fattoria. Per ringraziarla della disponibilità è stata eliminata seduta stante.

Daniela Martani un'altra illusa dalla popolarità usa e getta della televisione.

Nella pancia del governo

Ha ragione il blog di Piovono Rane sul fatto che questo governo parla al lato oscuro dei cittadini.

Dare il via agli ampliamenti edilizi fai da te è come liberalizzare la sosta in doppia fila, parcheggiare fuori dalle strisce blu o in divieto di sosta, passare con il rosso, far cagare il proprio cane sul marciapiede, non rispettare le file agli sportelli.

Se ci pensate bene nei fatti della vita di tutti i giorni tutto questo è tollerato, nessuno si indigna più.

Ogni governo è espressione di quello che siamo attualmente: una massa di egoisti.

lunedì 9 marzo 2009

On. Carlucci ed i blog: una passione infinita

L'onorevole Carlucci ha a cuore internet e la ringraziamo per continuare a proporre leggi innovative atte al bene della rete. Si preoccupa di non farci scaricare film pirati (tanto ci ha dimostrato scientificamente che spendiamo di più in energia elettrica), di protteggere i nostri figli dalla pedofilia online impedendo l'anonimato in rete e ci esorta a capire che internet non è soggetta a nessuna legge vigente dello stato italiano.

Il problema dell'on Carlucci ha ancora capito fino in fono l'utilizzo dei blog.

Lei gestisce personalmente il suo blog ufficiale (anche se a volte ha problemi con i file word) ma nei suoi link ha altri blog che definirli tali è un eufemismo:

Malasanità Puglia - Blog di fortissima denuncia sociale dei misfatti della sanità pugliese. Finalmente internet al servizio dei cittadini. Peccato che gli articoli di denuncia partano da Febbraio 2008 fino ad Aprile 2008 per poi riprendere a Luglio 2008. Quattro mesi di feroce denuncia. Poi il silenzio. Geniale il doppio link home (non si sa mai che qualcuno non legga il messaggio di benvenuto).

Giovaniprotagonisti - Blog che si prefigge di essere un Network d’idee contro il “Regime Gerontocratico”, per una società fondata sui valori di libertà e meritocrazia e sulla cultura del fare. Caspita sarà un blog pieno di idee del fare. Invece ha un solo intervento di gennaio 2008. Sono felice che il blog abbia compiuto già un anno senza avere un aggiornamento.

Valori e Libertà - Qui il gabbiano ormai è solo. Anche qui solo 4 mesi di scritture (Gennaio 2008 - Aprile 2008) poi il silenzio è calato inesorabile. Premonitore un'articolo di Davide Rossi di Univideo sul Copyright (14 Febbraio 2008).

Blog Camera - Qui abbiamo invece un blog atto solo ai comunicati stampa. Ce ne è per tutti i gusti: dalla regolamentazione di Facebook, ad internet come covo di pedofili, ad internet come covo di pedofili 2 ed infine alla difesa del buon nome della Juventus contro le accuse di Mourinho. Imperdibile la sezione sondaggi. Invece nella sezione multimediale possiamo ascoltare tutte i suoi interventi in contemporanea (basta utilizzare FireFox). Un esperienza psichedelica!

Ecopass: siamo nel ridicolo

Milano (e la pianura padana) è una delle aree europee con l'aria più inquinata ed ormai l'UE sembra intenzionata ad aprire una procedura d'infrazione.

A fine 2007 il sindaco di Milano Letizia Moratti aveva introdotto l'ecopass che introduceva il concetto: "se inquini paghi". Invece di combattere l'inquinamento lo si liberalizzava a patto che si pagassero le emissioni prodotti dalla propria vettura.

La zona dell'ecopass è limitata ai bastioni e data la scarsa area impattata, ai più sembrava solo un progetto di facciata tanto per dire che qualcosa si stava facendo. Dalla partenza di ecopass questa area è rimasta immutata.

Oltre ai problemi tecnici dei primi mesi ora c'è il problema delle multe che ormai ha toccato livelli insostenibili, da quando sono state create le sette nuove corsie preferenziali proprio con l'inizio di ecopass.

Ovviamente le cartellonistica di avviso è stata messa, ma una miriade di cittadini ha continuato ad infischiarsene beccando innumerevoli multe. Il comune che fa? Sembra stia pensando ad una mini moratoria ma che avrebbe effetti economici negativi per i conti del comune.

Rimane il problema dell'aria schifosa che ogni giorno tutti respiriamo ed per il futuro si prevedono solo altri metricubi di cemento.

Via | Infrazioni Unione Europea
Via | Sentenze Corte di Giustizia
Via | Zone con valori limiti superati (divise per stato membro)
Via | Proroghe sui valori limite