domenica 7 febbraio 2010

Il the nel deserto

Mi mettono molta inquietudine i tea party una sorta di ritrovi di vecchi bacucchi bianchi americani che non hanno mai accettato che un nero li stia governando.

Ce l'hanno sia con i Democratici che con i Repubblicani ed hanno trovato in Sarah Palin la loro portavoce. Già la scelta del personaggio politico dovrebbe essere garanzia di un fallimento annunciato.

Ma in un America che non riesce ad uscire dalla crisi economica e dalle guerre che si è fabbricata da sola, tutto può accadere.