domenica 14 marzo 2010

Luce a SanRemo

Scopro che l'ex pornostar Selen, ovvero Luce Caponegro si è data al canto o forse è meglio dire alla musica. Essere contemporaneamente dj e cantante richiede tanta esperienza accumulata nei dance floor di mezza Italia, ma credo che la Caponegro porti con sè un altro bagaglio culturale.

Detta fuori dai denti mi sembra il canto del cigno di un personaggio che è diventato qualcuno grazie all'Hard e che adesso cerchi di rinnegare il suo passato, cercando altre vie artistiche più credibili per pubblico e tv.

I dannati redenti è un genere di personaggio tv che sta prendendo piede. Basta guardare a Claudia Kohl o Paolo Brosio che ci continuano a tritare i maroni di quanto la fede li ha salvati dall'inferno del peccato. Basterebbe guardare i loro occhi pieni di vuoto e malinconia per capire quanto non felicità ci sia nella loro scelta mistica.

Ecco la Caponegro è una via di mezzo tra i due, una sorta di par condicio sulla redenzione.

Quindi basta chiamarla Selen, basta farsi le pugnette guardando i suoi film ma d'ora in avanti tutti a muovere la testa a ritmo di "Star of the Night".

Magari tra un anno ce la ritroviamo al Festival, categoria nuove proposte.