venerdì 4 giugno 2010

Governo dell'amore

Sta crisi economica sta logorando il governo. A poco a poco.

Altro che salvataggio

Mentre Max Biaggi con l'Aprilia sposorizzata Alitalia sta dominando la superbike, i conti della stessa Alitalia vanno male.

Roberto Colannino che gestisce sia il gruppo Piaggio (di cui fanno parte Piaggio, Aprilia, Derbi, Moto Laverda, Gilera e Moto Guzzi) che la stessa Alitalia ha fatto capire che il 2011 per la compagnia di bandiera italiana sarà quello cruciale. Cruciale perchè o si arriva al pareggio di bilancio oppure ci vorranno altri soldi.

Nel 2011 vista la situazione dei conti italiani e della crisi economica globale sarà un'impresa reperire capitali freschi dallo stato italiano (che ha già preso tutto il debito della vecchia Alitalia) e di soggetti stranieri non se ne vede l'ombra. L'unico attore credibile rimane Air France (che detiene già il 25% di Alitalia) che sicuramente, se comprerà Alitalia, lo farà a prezzo di saldo tagliando costi e posti di lavoro.

L'ennesima promessa di questo capo di governo che sta evaporando giorno dopo giorno.

mercoledì 2 giugno 2010

14 Mega per 25 miliardi

Se provate a scaricare il testo integrale della manovra finanziaria da 25 miliardi di euro, ci mettereste una vita per un documento da 14 MB, in formato pdf in cui ogni pagina è scansionata senza sistema OCR.

Il risultato è che non è possibile cercare nessuna parola,
non è possibile selezionare parti di testo e soprattutto per i non vedenti è impossible leggerlo. Ci sarebbe la così detta legge Stanca che impone l'accessibilità per tutti i documenti della pubblica amministrazione.

Purtroppo questo governo non rispetta nemmeno le leggi che promulga.

P.S. Fate un fischio al ministro Brunetta perchè fare il figo con la posta certificata va bene, ma imparare come si creano i documenti digitali è più utile.

Cartina dei diritti civili

Stando a quello che scrive Zakor è giusto che Israele abbia bombardato una nave di civili solo perchè nel quartier generale degli organizzatori della spedizione navale ci sia una cartina geografica dove Israele nemmeno esiste e campeggia solo una bandiera palestinese.

Un pò come giustificare l'occupazione militare del Nord Italia da parte della Germania solo perchè si continua a credere alla cartina della Padania.

Anche Borriello contro Gomorra

Da oggi Saviano ha un estimatore in meno, ovvero l'attaccante del Milan Marco Borriello, che pensa che Saviano abbia lucrato su Napoli.

Borriello si alliena sulla stessa tesi del suo datore di lavoro, Silvio Berlusconi, che sostiene che Gomorra offuschi l'immagine del paese all'estero.

L'attaccante napoletano ha avuto il padre Vittorio coinvolto un'inchiesta per associazione mafiosa (fu assolto) ma poi la stessa Camorra lo ammazzò quando lui era ancora un bimbo.

Una persona che subisce una simile perdita dovrebbe odiarla la Camorra, non giustificarla.

Ho notato che tutte le persone che cercano di gettare discredito su Roberto Saviano non dicano mai che ha scritto falsità, menzogne. Lo attaccano indirettamente puntando su due aspetti: notorietà e guadagno.

Forse non ci si rende conto che tutta questa notorietà verrebbe barattata da Roberto con la libertà (vero bene per un uomo). Per quanto riguarda il guadagno Borriello & C. si dimenticano che anche il loro amato presidente ha lucrato su Napoli visto che l'editore di Saviano è la Mondadori.

Tutti questi ragionamenti, da un calciatore, sono forse troppo.

Update: Marco Borriello ha ritrattato le sue dichiarazioni.