mercoledì 2 giugno 2010

Anche Borriello contro Gomorra

Da oggi Saviano ha un estimatore in meno, ovvero l'attaccante del Milan Marco Borriello, che pensa che Saviano abbia lucrato su Napoli.

Borriello si alliena sulla stessa tesi del suo datore di lavoro, Silvio Berlusconi, che sostiene che Gomorra offuschi l'immagine del paese all'estero.

L'attaccante napoletano ha avuto il padre Vittorio coinvolto un'inchiesta per associazione mafiosa (fu assolto) ma poi la stessa Camorra lo ammazzò quando lui era ancora un bimbo.

Una persona che subisce una simile perdita dovrebbe odiarla la Camorra, non giustificarla.

Ho notato che tutte le persone che cercano di gettare discredito su Roberto Saviano non dicano mai che ha scritto falsità, menzogne. Lo attaccano indirettamente puntando su due aspetti: notorietà e guadagno.

Forse non ci si rende conto che tutta questa notorietà verrebbe barattata da Roberto con la libertà (vero bene per un uomo). Per quanto riguarda il guadagno Borriello & C. si dimenticano che anche il loro amato presidente ha lucrato su Napoli visto che l'editore di Saviano è la Mondadori.

Tutti questi ragionamenti, da un calciatore, sono forse troppo.

Update: Marco Borriello ha ritrattato le sue dichiarazioni.