giovedì 23 settembre 2010

Dossieraggio patacca

Questa estate Gianfranco Fini è stato accusato dai giornali del Premier, Il Giornale e Libero, di aver venduto una casa a Montecarlo, di proprietà del partito, al 20% del suo valore reale ad un parente stretto della sua attuale compagna Elisabetta Tulliani.

Fini dal canto suo ha sempre respinto ogni accusa, ma il problema è che fino ad oggi i documenti del presunto scandalo non erano mai saltati fuori.

Ora questi documenti sono saltati fuori lasciando però moltissimi dubbi sulla loro autenticità. Innanzitutto il documento è firmato dal ministro della giustizia di Santa Lucia Rudolph Francis ma in realtà si chiama Nicholas Frederick.

Come sostiene Giornalettismo è curioso scoprire come l'ambasciatore di Santo Domingo sia Arturo Olivieri, ex PSI e molto vicino al premier. La sua bnomina risale ai primi di agosto.

Altra incongruenza è che solo i quotidiani di Santo Domingo abbiano dato evidenzia alla notizia della casa di Fini. Sia Listin Diario che El Nacional (notizia poi tolta) appunto hanno scritto della famosa casa di Montecarlo, mentre nell'isola di Santa Lucia (dove provengono i documenti) non si sa nulla, come testimoniata nel TG La7 di Mentana.

Dopo tutto questo papocchione, sembra quindi che il dossieraggio contro Fini sia un falso che ha il solo scopo di scredire il nemico politico numero uno del Cavaliere.

Viste le premesse sembra che l'obiettivo non sarà raggiunto.