giovedì 21 luglio 2011

Anche i libri aumenteranno

Per difendere i (sacrosanti) diritti del mondo dell'editoria indipendente il governo ha varato il ddl sul prezzo dei libri che lascia molto perplessi.

In sintesi le novità:

- Vendita di libri con uno sconto massimo del 15%

- Le campagne promozionali possono durare solo un mese, lo sconto del 15% può essere superato ma non eccedere del quarto del prezzo fissato. Nel mese di dicembre non ci possono essere campagne promozionali

- Lo sconto può arrivare al 20% in occasioni di "particolare rilevanza" (es. salone del libro)

- Le nuove regole si applicano solo ai libri appena usciti

Da questo ddl vengono pesantemente penalizzati le librerie on-line che riescono ad applicare sconti molto vantaggiosi per i lettori, grazie all'abbattimento dei costi di gestione.

Il cittadino già con il potere d'acquisto sotto i tacchi dovrà subire un "naturale" innalzamento del prezzo medio dei libri o più semplicemente aspettare che essi vadano fuori catalogo.