giovedì 21 luglio 2011

Mandorlini e la coerenza

Quando un allenatore intona il coro "Ti amo terrone" lo fa sicuramente per compiacere i propri tifosi ma dovrebbe anche difendere la propria azione, il giorno dopo quando in molti ti danno del razzista.

Invece, come al solito, c'è la retromarcia. Andrea Mandorlini (Hellas Verona) usa termini come "goliardia" per spiegare che dare del terrone non è poi così grave.

Nel calcio, lo stile e la sportività si sono persi da troppo tempo.