martedì 12 luglio 2011

Tra sogni e realtà

A me sembra che questa classe dirigente (tutta) non abbia capito la gravità della situazione economica italiana, tra borsa che crolla, spread sui titoli di stato ai massi storici e rischio di default sempre più concreto.

Occuparsi delle cose private del premier (lodo mondadori - mediaset), della  riduzione di un anno della laurea in medicina, dello spostamento di fantomatici ministeri a Monza certificano la totale incompetenza e menefreghismo di chi dovrebbe rappresentarci.

Per non parlare dell'opposizione sempre troppo ambigua e molto assecondante sulle malefatte di questo governo.

Siamo in mano a tre vecchietti molto riconglioniti a cui nessuno ha dato una badante per finire altrove la propria vecchiaia.