giovedì 22 settembre 2011

Di Benedetto, c'avete solo er Papa


Roma è la città d'arte per eccellenza e quindi, il suo sindaco, dovrebbe avere un occhio di riguardo per i suoi monumenti visto che non passa giorno di attivi vandalici.

Oltre ai monumenti storici, il buon Alemanno dovrebbe occuparsi di quelli nuovi, come la schifezza della statua di Carol Wojtyla. Roba da abbattere non restaurare.

Ormai la politica, anche locale, vive un mondo parallelo, slegato dai cittadini ed è normale che il sindaco Alemanno incontri il nuovo padrone della Roma, Di Benedetto, promettendogli tempi brevi per la costruzione del nuovo stadio di calcio.

Questo nuovo stadio pare sia l'ennesima speculazione edilizia travestita da innovazione sportiva ma ad Alemanno (figuriamoci ad un italo-americano) poco importa, l'importante è non pranzare più con Bossi.