lunedì 23 luglio 2012

Animali e norme


Dopo che sei diventata ministro, senza troppi meriti nè competenze sul turismo e vieni spazzata via insieme al tuo capo che ti "apprezzava" perchè mostravi le autoreggenti in tv, qualcosa devi pure inventarti.

Oltre a disertare il parlamento (quasi il 100% di assenze nel mese di Giugno) Michela Vittoria Brambilla si è scoperta amante degli animali, un pò come Enrica Bonaccorti qualche anno fa su Rete 4. Gli animali sono un buon passatempo per rimanere in pista in attesa di tempi migliori.

Visto che i tempi migliori tardano ad arrivare, la Brambilla diventa presidente della Fiadaa (Federazione italiana associazioni diritti animali ed ambiente), associazione auto-fondata di cui nessuno sentiva il bisogno.

La Brambilla riesce anche a strappare un accordo con Trenitalia sul trasporto agevolato per gli animali. Come ben sappiamo, sono quegli accordi molto pubblicizzati e teoricamente fighissimi che durano lo spazio di tre mesi per poi morire senza che nessuno se ne accorga.

Invece tutti si sono accorti che il canile comunale di Lecco, non è a norma e quindi verrà chiuso. Il suddetto canile era gestito dalla Leida, altra associazione animalista della Brambilla.

In questo ginepraio di pseudo associazioni dall'area molto trendy ma poco utili le uniche vittime sono proprio gli animali ed i loro,inatessi, diritti.