venerdì 24 febbraio 2017

Porto vs Juventus in 10 punti

1) Nuno Espirito Santo aveva previsto nell'ordine: che la Juve non avrebbe giocato con le "5 Stelle" e che Bonucci alla fine sarebbe sceso in campo. Perculato su tutta la linea. Pronto per entrare in politica (in Italia).

2) Il caso Bonucci ci ha fatto capire: a) nessuno è insostituibile, b) tutti devono seguire un codice di comportamento, c) abbiamo 5 grandi difensori centrali, d) società ed allenatore sono in perfetta sintonia, e) Allegri si è evoluto in Super Sayan Livello II.

3) Fermo restando il punto 2 non facciamo cazzate incrinando una stagione fin qui davvero perfetta. Via ego e coglioni girati, dentro orgoglio e voglia di vincere. Mica siamo i Soprano's.

4) Bisogna sempre imparare dai Presidenti che (pensano) di saperla più degli altri. Detto, fatto. A Porto sfoggiamo una #cazzimmapiemontese da far accapponare i tatuaggi persino ad Insigne.

5) I predestinati hanno sempre un momento in cui tutto cambia ed iniziano a brillare di luce propria. Marko Pjaca è uno di questi ed il suo primo goal vale doppio. Primo perché fatto in Champions League e secondo per la sua esultanza "dell'Alce". Il WWF ha già chiesto i diritti.

6) Terzino brasiliano in bianconero mi ricordava maledettamente Athirson (uno degli innumerevoli pacchi di mercato di Lucianone Moggi). Tutto è svanito alla combinazione "fascia-to-fascia" Alex-Sandro - Dani-Alves. Obrigado.

7) Per quelli "il Porto era scarso" ricordo che nelle ultime 14 partite casalinghe di CL ne aveva persa solo una. L'avversario del vicino è sempre più forte.

8) Terreno perfetto, atmosfera da brividi, musichetta che ti ricorda che non si scherza più. Questa è la Champions League, quella vera, quella che sogni e temi. E' bello esserci senza dover pensare se il tuo stadio si farà oppure no.

9) Appunto da tifoso: mai andare a vedere una partita di pallavolo, scordandovi che c'è la CL. Rischiate seriamente di stare con in mano il cellulare in attesa di una notifica push. Patetico.

10) Gli abbracci fraterni di Capitan Gigi ad altri campioni, come Iker Casillas, stanno diventando una piacevolissima tradizione. Tutto pronto per una puntata speciale di C'è Posta Per Te.